fbpx

Messina, trenta stalli a Villaggio Aldisio: il Comune sollecita la regolarizzazione degli ambulanti

mercatoL’assessore al commercio, Patrizia Panarello, insieme al dirigente il dipartimento, Carmelo Giardina, al comandante ispettore della Polizia annonaria, Pietro Villarà, al funzionario comunale,  Salvatore Mastroianni e ad una rappresentanza di vigili urbani, ha ricevuto una delegazione di ambulanti abusivi che hanno chiesto di discutere dell’ampliamento e della rimodulazione del mercato di villaggio Aldisio, decisi con delibera consiliare dello scorso settembre.

Tema dell’incontro la richiesta da parte di alcuni ambulanti abusivi di ricevere ”rassicurazioni” in merito alla propria regolarizzazione, problematica al centro del dialogo che l’Amministrazione ha avviato da tempo ascoltando le loro esigenze per trovare soluzioni utili nel rispetto delle normative vigenti. “È necessario comprendere che – ha evidenziato l’assessore Panarellol’unica rassicurazione che possiamo dare nasce dal fatto che agiamo nella massima trasparenza e legalità, pertanto nessuno degli ambulanti verrà privilegiato rispetto a qualcun altro. Non ci sono accordi elettorali che possano giustificare favoritismi di alcun genere. Comprendiamo la disperazione di molti, ma è necessario seguire le regole perché questo modo di procedere, in maniera imparziale, è l’unica garanzia che abbiamo a riprova del fatto che viviamo in uno stato di diritto e non in una giungla dove vince il più forte e il più raccomandato. Esistono delle procedure che vanno rispettate e che non abbiamo inventato noi. Molti si lamentano delle passate gestioni, lamentando di aspettare da troppi anni una regolarizzazione. Ma proprio oggi siamo vicini al traguardo, l’Amministrazione in sinergia con il Consiglio comunale – ha concluso l’assessore – ha infatti approvato un provvedimento che amplia il mercato di ulteriori 30 stalli e questo significa che altre 30 famiglie potranno avviare tutte le procedure per essere messe in regola. È questo un risultato importante che va nella direzione di un’apertura concreta alle esigenze degli ambulanti”.