fbpx

Messina, stanziati i fondi per “recuperare” Galati Marina

maltempo2Coordinata dall’assessore regionale all’ambiente Maurizio Croce, nella doppia vesta di assessore e di ex commissario per l’emergenza per il dissesto idrogeologico, si è tenuta a Palermo una riunione tecnica per Galati Marina. Hanno partecipato al tavolo il responsabile del P.a.i. Aldo Guadagnini, il responsabile provinciale della Protezione civile di Messina Bruno Manfré, il segretario generale dell’autorità portuale di Messina Francesco Di Sarcina, il direttore dell’Arpa Francesco Licata Di Baucina ed il direttore generale dell’assessorato regionale all’Ambiente, Gaetano Gullo.

maurizio croceConfermata la disponibilità da parte dell’assessore Croce di trecentomila euro per i primi interventi di messa in sicurezza del litorale di Galati Marina, è stato quindi creato un raccordo con l’Autorità portuale che metterà sul molo la sabbia dell’ultima mareggiata che ha reso inagibile il porto di Tremestieri mentre con i mezzi della regione lo stesso materiale verrà deposto a Galati Marina per iniziare il ripascimento dei duecento metri di costa totalmente erosa. A cura dell’Arpa lo studio integrato per la ricostituzione del litorale fortemente compromesso nella sua bio-stabilità, così come il controllo del materiale che servirà a ricreare la fascia di spiaggia totalmente scomparsa nel borgo marinaro di Galati. Entro 60 giorni verranno quindi posti, in prossimità delle abitazioni invase dall’acqua, i massi di protezione a terra e contestualmente verrà affidato il progetto per la posa dei “pennelli” frangiflutti.

In tempi europei – ha esordito il capogruppo dei Pdr on. Giuseppe Picciolol’assessore Croce è riuscito a dare un chiaro segnale sulle capacità di risposta che le istituzioni devono dare ai cittadini. Picciolo Pdr1Insieme al collega on. Marcello Greco ed al capogruppo del Pdr Messina, Elvira Amata, abbiamo sollecitato gli interventi che prontamente sono stati messi in atto con un tavolo tecnico di primissimo livello che ha riunito tutte le competenze possibili per non far sentire abbandonato un territorio fortemente provato da eventi meteo marini. Ciò non toglie – ha concluso il deputato del Patto dei democratici riformisti – che non ci fermeremo alla semplice risoluzione del problema ma come già anticipato chiederemo a giorni, attraverso denunce formali alla magistratura ordinaria e contabile, l’individuazione dei responsabili del disastro ambientale che incombe su Galati Marina”.