Categoria: MESSINANEWSSICILIA

Messina, servizi sociali: domani sciopero in massa dei lavoratori “stanchi di accordi sottobanco”

Si preannuncia infuocato lo sciopero dei lavoratori dei servizi sociali indetto per domani dalla FP CGIL, in vista della sospensione dei servizi a partire da giorno 15 novembre. Ad aumentare la tensione, l’incontro, a porte chiuse, tenutosi questo pomeriggio tra la presidente del consiglio comunale, Emilia Barrile, i componenti della commissione bilancio, presieduta da Nicola Cucinotta e i rappresentanti della Cisl.

“Ancora una volta – commenta la segretaria generale della FP CGIL, Clara Crocédopo l’accordo da Prima repubblica tenutosi a Pasqua con il famoso pranzo organizzato a Casa Serena, i lavoratori della Cgil sono stati tenuti fuori. In otto giorni di presidio a palazzo Zanca, la presidente Barrile, ad eccezione di un comunicato stampa, non ha mai mostrato alcuna solidarietà verso i dipendenti del terzo settore iscritti a questa sigla sindacale. Non si è mai soffermata a parlare con loro, né tantomeno la FP CGIL è stata convocata in separata sede”.

Alla fine dell’incontro segreto, i lavoratori hanno “accolto” la Barrile e i componenti della commissione all’urlo di “Vergogna Vergogna. Se ce ne andremo a casa, un minuto dopo andrete via anche voi”.

“Il comportamento tenuto dai consiglieri comunali – ha aggiunto la Crocé – è inaccettabile. Siamo stanchi di assistere ad accordi pre determinati che finiscono col mettere all’angolo coloro che, in tante occasioni, hanno invece “sacrificato” il proprio monte ore per consentire di mantenere i livelli occupazionali. Non è così che ci si comporta e domani, tra i corridoi di palazzo Zanca, tanto l’Amministrazione, quanto coloro che siedono in aula consiliare, sentiranno rimbombare la voce di questi lavoratori, stanchi di essere vittime di perversi giochi politici” .