fbpx

Maltempo a Reggio: massima allerta dalla Prefettura

maltempoLa Prefettura di Reggio Calabria rende noto che “e’ stata effettuata una ricognizione del territorio provinciale ed e’ stato disposto il massimo allertamento per le prossime 24-36 ore”. A Reggio Calabria sin da ieri pomeriggio si e’ riunito, presieduto dal Prefetto Claudio Sammartino, il Centro Coordinamento Soccorsi (Ccs), per esaminare la situazione della provincia interessata dal maltempo gia’ dalla decorsa notte e per adottare ulteriori misure per il coordinamento degli interventi necessari, a livello comunale e sovracomunale, alla luce dei messaggi di allertamento per le condizioni meteorologiche avverse che interessano in particolare i Comuni della fascia ionica, pervenute dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Protezione Civile e dal Settore della Protezione Civile della Regione Calabria. Al momento i Comuni maggiormente interessati dal maltempo sono quelli di Careri, Plati’ e Bovalino. “In particolare – e’ scritto nella nota – nella frazione Natile del Comune di Careri, si e’ verificato lo scalzamento del rilevato stradale di accesso al ponte che collega il centro abitato alla predetta frazione. Sono stati predisposti presidii delle Forze di Polizia, soprattutto per prevenire e contenere durante la notte possibili situazioni di emergenza e dare soccorso immediato a eventuali necessita’ della popolazione della frazione, il Suem 118 ha implementato il servizio di Guardia Medica ed e’ stata installata, a ridosso della zona interessata dallo smottamento, una torre faro dei Vigili del fuoco. Nella stessa zona la Provincia ha avviato interventi di ripristino della rampa di accesso al ponte e della viabilita’ provinciale. Nei Comuni di Plati’ e Bovalino, dove si era verificata l’esondazione rispettivamente dei torrenti Ciancio e Careri, sono intervenute le squadre dei Vigili del Fuoco e del Settore Idraulico della Provincia a supporto di quelle Amministrazioni che hanno attivato il Centro Operativo Comunale per la messa in sicurezza delle aree a rischio. Risultano essere stati attivati altresi’ i Coc dei Comuni di Careri e Roccella Ionica”.