fbpx

Maltempo a Platì (Rc), situazione difficile: famiglie sfollate e strade bloccate

Maltempo“La Provicia intervenga tempestivamente per rimediare al grosso disagio venutosi a creare a Platì”. La richiesta è del capogruppo dei “Socialisti Uniti – Psi” alla Provincia di Reggio Calabria, Pierpaolo Zavettieri, a seguito della bomba d’acqua che, oggi intorno a mezzogiorno, ha colpito il centro del Reggino, provocando enormi disagi sia alle abitazioni che all’arteria di collegamento, la Strada provinciale 112. «Nell’esprimere la mia più totale solidarietà alla popolazione per il forte disagio subito – le parole del consigliere provinciale socialista – mi preme sottolineare la necessità di intervenire nell’immediato perché, a seguito dell’evento calamitoso, numerose famiglie risultano sfollate, nonché temporaneamente ospitate dal locale istituto comprensivo». Il problema, che si ripete a distanza di un anno, è dovuto anche a un precedente intervento utile soltanto a risolvere l’emergenza primaria. «La Sp 112, al momento, risulta impraticabile ma la bomba d’acqua ha allagato anche numerose abitazioni tra contrada Arsanelli e contrada Lacchi – spiega Zavettieri – La causa di questi allagamenti è da ricercare nel deflusso delle acque perché le caditoie non sono mai state costruite e le cunette risultano ostruite. Con tutte queste difficoltà, tra le due contrade si viene a creare una sorta di imbuto che porta alla nascita di temporanei corsi d’acqua. Le lungaggini burocratiche, unite alla mancanza di fondi – denuncia il capogruppo dei “Socialisti Uniti – Psi” – hanno limitato gli interventi sulla Sp 112 dove, peraltro non sono mai state costruite opere come i muri di contenimento. Quello di manutenzione ordinaria, espletato lo scorso anno, non poteva e non è stato risolutore. Adesso, per il ripristino della regolarità servirà ben altro. L’altro problema – afferma ancora Zavettieri – è che nell’ultimo bando la manutenzione ordinaria, che prevede la pulizia programmata delle cunette, non è stata prevista, poiché si è programmato solo sulle urgenze. La richiesta, al presidente della Provincia Giuseppe Raffa e all’amministrazione tutta  – conclude Zavettieri – è quella di provvedere al più presto per ripristinare i collegamenti e far tornare le famiglie nelle proprie case, programmando un intervento che stavolta sia davvero risolutore».