fbpx

Incidente in mare al largo di Mazara del Vallo: recuperato il corpo del pescatore

Bimbo si sente male su barca in avaria, soccorso da Guardia costieraRecuperato questa mattina il cadavere di un pescatore, vittima di un incidente di pesca al largo di Mazara del Vallo. Il corpo e’ stato trovato, spiegano fonti della Guardia costiera, a mezzo miglio dalla costa, tra Capo Feto e Giardinello, a una profondita’ modesta, di un paio di metri. Secondo quanto ricostruito, l’uomo di 42 anni, giunto sul posto con una piccola barca, era impegnato ieri sera nella pesca dei ricci con altre tre persone, quando e’ annegato. L’oscurita’ avrebbe reso difficili i soccorsi e impedito l’immediato recupero del corpo, avvenuto stamane. Sull’episodio e’ in corso un’indagine, “ma gli elementi sinora emersi – spiegano le stesse fonti della Capitaneria di porto – avvalorerebbero la tesi dell’incidente”. Si chiama Francesco Paolo Giaimo, originario di Palermo, l’uomo annegato ieri sera nel corso di una una battuta di pesca di ricci e il cui corpo e’ stato recuperato stamane. Quando gli amici hanno fatto ritorno sulla barca, si sono resi conto dell’assenza del compagno. Nel tentativo di recuperarlo hanno abbandonato il natante che si e’ allontanato. La segnalazione e’ giunta alla Guardia di finanza che e’ intervenuta con un elicottero, individuando il corpo a circa mezzo miglio dalla costa. Sul posto e’ poi intervenuta la Capitaneria di Porto che ha collaborato al recupero del cadavere.