fbpx

Gioia Tauro (Rc): a gennaio 2015 consegnati lavori della tratta ferroviaria verso Palmi

linee-taurensi“Buone notizie quelle apprese proprio ieri sera al cinema teatro Politeama di Gioia Tauro -afferma Giuseppe La Terra del comitato Utenti delle ferrovie calabresi-  dove il Presidente delle Ferrovie della Calabria Giuseppe Pedà  nonché  candidato alle regionali come consigliere per la casa delle libertà, nell’illustrare le cose fatte come Presidente FdC, dava notizia di quanto segue. Pare che a partire da gennaio 2015 i lavori della tratta ferroviaria  Gioia Tauro-Palmi delle Taurensi saranno consegnati, quindi di li a breve sarà possibile riapertura dell’esercizio ferroviario e quindi la conurbazione dei due più grossi centri della piana sarà compiuta. Le distanze tra i due più grossi centri della Piana  saranno accorciate. Infatti -prosegue-  nel mese  di dicembre prossimo partiranno  i lavori per la costruzione delle due autostazioni: di Gioia Tauro e quella di Palmi. Altra notizia importante, pare che da tempo Giuseppe Pedà stia lavorando in sordina con l’intento ormai chiaro di far riaprire la tratta Gioia Tauro Cinquefrondi a scopo turistico. Infatti già tempo c’era stato un tentativo d’Italia Nostra che aveva invitato addirittura una compagnia tedesca che adottasse questa, e pare che questi vennero a fare addirittura un sopralluogo. Ma poi non se ne seppe più nulla. Di certo sappiamo che la vecchia locomotiva che era buttata al deposito di Gioia Tauro pare pian piano è stata rimessa a nuovo. Il costo stimato dal Presidente -conclude- per rimettere a posto il tracciato da Gioia Tauro Cinquefrondi e di 25.000.000 di euro, considerando il fatto che stiamo per restituire alla comunità europea un miliardo di euro non spesi, questi sono spiccioli, che tra l’altro servono alla promozione di quanto di più bello abbiamo: il nostro territorio, i nostri ulivi secolari, la natura”.