fbpx

Delitto di Garlasco, chiesti 30 anni per Alberto Stasi

Alberto Stasi30 anni per Alberto Stasi: e’ la richiesta di condanna presentata dal sostituto procuratore generale di Milano, Laura Barbaini, al termine della sua requisitoria al processo d’appello bis sull’omicidio di Garlasco. L’ex bocconiano e’ l’unico imputato per l’omicidio della fidanzata Chiara Poggi, da lui stesso trovata morta riversa sulle scale della villetta di Via Pascoli il 13 agosto 2007. Da quel giorno, e’ sempre e soltanto rimasto lui l’assassino di Garlasco secondo gli inquirenti che non hanno mai preso in considerazioni piste investigative alternative. Tuttavia, Stasi e’ stato assolto per due volte consecutive da parte di due diversi Tribunali in due diversi gradi di giudizio prima che la Cassazione disponesse lo svolgimento di un processo d’appello bis. Ora le speranze della pubblica accusa sono legate soprattutto alle nuove sperimentazioni virtuali effettuate sulla camminata compiuta da Stasi all’interno della villetta al momento di trovare il cadavere della fidanzata. Verifiche che in questo procedimento hanno riguardato un’area piu’ ampia di quella presa in esame nei precedenti gradi di giudizio e che ha dimostrato come per Stasi fosse praticamente impossibile compiere quel tragitto senza calpestare neppure una delle numerose macchie di sangue presenti sul posto.