fbpx

Calabria, riapre la palestra Viola e riprende l’attività del basket

basket“Dopo cinque mesi la Palestra “P.Viola (scatolone) riapre e riprende l’attività del basket. E’ stata una vicenda traumatica che ha visto impegnato sin dall’inizio il Comitato Regionale con continue e pesanti proteste, sollecitazioni, diffide ed incontri con le istituzioni, supportati questi ultimi dal Dr. Mimmo Praticò, Presidente del CONI Regionale che, come di consueto, ha dato ampia disponibilità”. Lo annuncia il presidente Sandro La Bozzetta.

“E’ grazie all’azione di “forza” portata avanti dal Presidente del Comitato che alla fine si è riusciti ad entrare in possesso della struttura. Purtroppo ci siamo trovati davanti ad una situazione di degrado, con notevoli danni e sporcizia che avevano trasformato l’impianto in un “letamaio”. Siamo stati costretti, dopo diffida, a rimuovere i lettini con cuscini utilizzati dai profughi e giacenti sul campo di gioco. Enti ed istituzioni – si legge ancora nel documento – si sono ben guardati dall’intervenire per ripristinare l’impianto nel quale escrementi e rifiuti erano sparsi ovunque e per riparare i danni procurati negli spogliatoi. Ci siamo da subito attivati affidando i lavori di pulizia e ripristino danni a ditta di fiducia, stilando un preciso programma di interventi che alla fine è stato regolarmente rispettato e portato a termine”. 

“L’unico suggerimento condiviso è stato quello di procedere alla verniciatura dei sedili in legno della tribuna. A conclusione, anzi, abbiamo anche provveduto a riparare alcune perdite di acqua provenienti dalla copertura del campo e degli spogliatoi che esulavano però dal ripristino dei danni provocati dalla presenza degli ospiti. I meriti pertanto vanno ascritti al Comitato che si è impegnato con interventi temporali e anticipando, attraverso la propria cassa, le notevoli spese economiche sopportate per le quali –con legale di fiducia- chiederemo agli Enti la restituzione. Chi oggi si attribuisce benemerenze per l’apertura dell’impianto e forse ritiene di essere incensato con turibolo, lo ha fatto – conclude – con pretestuosità ignorando l’evidenza dei fatti”.