fbpx

Terna, Zero Waste Sicilia dice “no” al concorso “Monostelo di classe”

palo monostelo venetico“Zero Waste Sicilia esprime un fortissimo NO al Concorso di idee, ideato e concordato tra la Provincia Regionale di Messina e Terna Rete Italia rivolto agli alunni delle classi IV e V della scuola primaria e I e II della scuola secondaria di primo grado”.

E’ quanto si legge in un documento a firma di Beniamino Ginatempo ed Egidio Maio. Terna Rete Italia e la Provincia Regionale di Messina hanno firmato, a Palazzo dei Leoni, un protocollo d’intesa finalizzato a lanciare il concorso di idee “il Monostelo di classe,” rivolto agli alunni delle classi IV e V della scuola primaria e I e II della scuola secondaria di primo grado. Il Monostelo di classe, che si svolgerà tra la fine del 2014 e i primi mesi del 2015, riguarderà l’estetica dei sostegni monostelo utilizzati lungo il tracciato e la loro integrazione nell’ambiente circostante: gli studenti partecipanti potranno, infatti, presentare progetti per colorare, dipingere, decorare e abbellire i sostegni. (In foto il palo monostelo installato a Venetico Superiore, in provincia di Messina, dove è attivo un Comitato di Tutela per la difesa del paese). 

“Ci rivolgiamo a tutti i Responsabili degli Istituti Scolastici dei 13 comuni interessati dall’attraversamento dell’elettrodotto TERNA Sorgente/Rizziconi affinché respingano fermamente tale proposta provocatoria nei confronti di tutti i cittadini che si battono e si sono battuti contro il tracciato.

Zero Waste Sicilia – si legge ancora nel comunicato – chiede a tutti i Sindaci e ai Presidenti dei Consigli comunali dei comuni interessati di assumere una immediata e secca opposizione a tale idea. Il tentativo, di TERNA, di recuperare immagine e fiducia nelle popolazioni “utilizzando” i ragazzi delle scuole è offensivo e appare come una beffa dopo il danno.

Le Famiglie degli scolari interessati attivino immediatamente una raccolta di firme per esprimere la loro netta contrarietà invitando i Dirigenti scolastici di competenza di non avviare le procedure per tale “sceneggiata” affermando che sono sconcertati da tale proposta di utilizzare i ragazzi come paravento.

Zero Waste Sicilia – concludono Ginatempo e Maio chiede al Commissario della provincia Regionale di Messina, dott. Filippo Romano, di annullare tale concorso in coerenza e rispetto delle deliberazioni assunte dal Consiglio Prov.le di Messina sulla vertenza Elettrodotto Sorgente/Rizziconi.
Si abbia rispetto, quanto meno, delle numerose e partecipate proteste dei cittadini che a tutt’oggi rivendicano soluzioni tecniche per la salvaguardia della salute. Zero Waste Sicilia si riserva di intraprendere ulteriori iniziative contro tale assurdo e offensivo progetto”.