fbpx

Reggio, Monsignor Morosini scrive alle famiglie: “la fede ha bisogno di educazione”

video messaggio morosiniOggi Mons. Morosini, Arcivescovo di Reggio Calabria – Bova, ha diramato una nota pastorale rivolta a tutte le famiglie, in particolar modo ai genitori. L’occasione che ha spinto il presule a scrivere a tutte le mamme e i papà è la riapertura dell’anno catechistico: in questi giorni, infatti, in tutte le Parrocchie dell’Arcidiocesi, stanno iniziando le attività di formazione durante le quali i ragazzi (ma anche la gente adulta) approfondirà i contenuti della fede al fine di corrispondere meglio alla vocazione cristiana ricevuta nel battesimo.

“Affinché questo percorso sia efficace”, sottolinea Mons. Morosini, “è utile ribadire che l’educazione dei vostri figli alla fede deve partire dalla famiglia e deve essere completata in famiglia. Non basta inviare i figli al catechismo, dovete accompagnarli con la premura attenta di chi li segue nel cammino di fede con la testimonianza di vita e l’annuncio di fede”. Essere genitori, quindi, presuppone un accompagnamento ed una testimonianza anche nelle scelte che riguardano la fede.

Anche mamme e papà, secondo Mons. Morosini, devono formarsi ed approfondire i contenuti della fede per essere dei testimoni credibili: “Collaborate con i parroci e i catechisti, partecipando agli incontri che verranno organizzati per voi”. L’educazione alla fede, infatti, è anche frutto della collaborazione sinergica tra la famiglia, i catechisti e i parroci. Tuttavia, continua ancora l’Arcivescovo, “la catechesi non è finalizzata ai sacramenti, ma è educazione alla vita cristiana, che, quando il ragazzo si mostra preparato e maturo, prevede anche la ricezione dei sacramenti”.

Anche nei confronti dei catechisti e degli operatori pastorali Mons. Morosini ha intrapreso alcune iniziative volte ad una maggiore formazione e quindi alla crescita della qualità della proposta formativa. Infatti l’Arcivescovo ha convocato tutti i catechisti per martedì 14 ottobre alle ore 18.30 in Cattedrale. In tale occasione verrà loro conferito il mandato pastorale per l’anno 2014-2015, ma allo stesso tempo verrà inaugurata la Scuola di formazione per Operatori Pastorali, fortemente rinnovata nei corsi e nelle materie per esplicita volontà di padre Giuseppe.

Don Antonio Bacciarelli, direttore dell’Ufficio Catechistico Diocesano, ha reso noto che la scuola si terrà presso i locali dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose, ogni mercoledì dalle 19 alle 21, con inizio mercoledì 22 ottobre. Avrà la durata di 2 anni comuni di base, da ottobre a giugno, ed un ulteriore semestre di specializzazione. Tutto quanto proposto dalla Scuola costituisce, di fatto, una prima concretizzazione delle proposte che il Vescovo ha consegnato alla Diocesi durante il Convegno Pastorale di Settembre. La Chiesa di Reggio si prepara, pertanto, a rispondere meglio alle esigenze della nuova Evangelizzazione auspicata da Papa Francesco.

NOTA PASTORALE INIZIO ANNO CATECHISTICO 2014-15

Carissimi genitori e famiglie,

In questi giorni in tutte le parrocchie è già iniziata o sta per iniziare la catechesi. Da bravi cristiani vi state preoccupando di inviare i vostri figli, mantenendo fede con impegno, preso al momento del loro battesimo, di educarli alla fede.

Voglio ricordarvi alcune cose perché questa catechesi sia efficace:

  • La catechesi non è finalizzata ai sacramenti, ma è educazione alla vita cristiana, che, quando il ragazzo si mostra preparato e maturo, prevede anche la ricezione dei sacramenti.
  • La catechesi non finisce con la prima comunione, ma continua anche dopo, attraverso l’esperienza dell vita parrocchiale nell’oratorio.
  • Abbiate premura, pertanto, di interessarvi perchè ai vostri figli non manchi questa esperienza nel momento più delicato della loro crescita, che è l’adoloscenza. Spesso i vostri figli in questa età sono affidati alla strada e a frequentazioni equivoche e pericolose.
  • Vi ricordo che in molte parrocchie c’è l’associazione Scout e dell’Ac: iscrivetevi i vostri figli. Invito i parroci che non hanno queste associazioni di costituirle.
  • L’educazione dei vostri figli alla fede deve partire dalla famiglia e deve essere completata in famiglia. Non basta inviare i figli al catechismo, dovete accompagnarli con la premura attenta di chi li segue nel cammino di fede con la testimonianza di vita e l’annuncio di fede.
  • Collaborate, pertanto, con i parroci e i catechisti, partecipando agli incontri che verranno organizzati per voi.
  • Momento essenziale dell’educazione alla fede è la partecipazione alla messa domenicale, la lettura della Bibbia in famiglia e la preghiera comune a casa.

Vi auguro ogni bene nel Signore e vi benedico.