fbpx

Reggio, domani presentazione del progetto World Trade Center di Gioia Tauro

GrattacieloLe prospettive di rilancio della grande infrastruttura di Gioia Tauro sono legate alla possibilità di  trasformare l’attuale porto di transhipment in un Polo logistico integrato, in grado di favorire l’intermodalità e creare un nuovo più profondo rapporto con il territorio circostante.

Le realizzazione di tale piattaforma, che potrebbe trarre significativi vantaggi dalla presenza della Zona franca portuale, figura fra gli obiettivi dell’Accordo di Programma Quadro – Polo logistico intermodale di Gioia Tauro, sottoscritto nel settembre 2010 dai Ministeri dello Sviluppo economico, delle Infrastrutture e dei Traporti, dell’Università e della ricerca scientifica, e dalla Regione Calabria, il Consorzio delle ASI di Reggio Calabria, l’Autorità portuale di Gioia Tauro e RFI. All’interno del programma di realizzazione del Polo logistico, punto 4.1.7., sono previste due azioni finalizzate a veicolare a livello internazionale il ruolo del porto:

ü  attività di marketing e promozione del Polo logistico intermodale;

ü  studio di fattibilità per la realizzazione di un World Trade Center.

In relazione al secondo punto nell’estate del 2012 veniva sottoscritta una convenzione fra la Regione Calabria ed il Dipartimento di Architettura e Territorio dell’Università Mediterranea per l’elaborazione di uno studio di fattibilità del suddetto WTC, i cui risultati vengono presentati venerdì mattina alle ore 9.00 in un incontro cui parteciperanno l’Assessore ai trasporti della regione On. Luigi Fedele, il Direttore del DARTE prof. Gianfranco Neri ed il Rettore della Mediterranea prof. Pasquale Catanoso. Introdurrà l’incontro una breve relazione del prof. Giuseppe Fera, responsabile scientifico del progetto.

Il WTC può rappresentare uno strumento indispensabile di strat up per il Polo logistico ed allo stesso tempo per promuovere il territorio per la sua capacità di fare rete, conquistare nuovi interessi, attrarre investimenti e creare opportunità di business. Il WTC si dovrà configurare sostanzialmente come un complesso di edifici in grado di ospitare diverse funzioni (uffici, spazi commerciali, sale mostre e convegni, strutture ricettive, etc..) e come un erogatore di un insieme di servizi alle aziende insediate nel polo e all’intero territorio di riferimento. Lo studio di fattibilità, ritenuto prioritario anche rispetto all’azione di marketing, ha avuto come obiettivo generale quello di valutare e verificare l’opportunità di costituire nel Polo logistico intermodale di Gioia Tauro un World Trade Center in grado di assumere il ruolo di amplificatore per le attività e le potenzialità della business community che gravita sul territorio, fornendo un impulso consistente alla sua crescita economica tramite la promozione e qualificazione a livello internazionale.