fbpx

Reggio, arriva la Faimarathon: evento nazionale di raccolta fondi

soldiArriva anche a Reggio Calabria la FAIMARATHON, evento nazionale di raccolta fondi che si colloca all’interno della Campagna autunnale di Raccolta pubblica di fondi del FAI dal titolo “Ricordati di salvare l’Italia” e arrivata alla sua sesta edizione.

FAIMARATHON è una passeggiata culturale a tappe, non sportiva, adatta a persone di tutte le età.
Un evento per far riscoprire agli italiani, attraverso itinerari interessanti e curiosi, quanti sorprendenti tesori si nascondano tra i luoghi della propria vita quotidiana.
Organizzata dal Gruppo FAI Giovani e dalla Delegazione FAI di Reggio Calabria, la maratona offre un ricco percorso TRA I TESORI REGGINI dal titolo “ARCHEOWALKING”.
Una lenta passeggiata alla scoperta dell’archeologia e all’insegna della lentezza, capace di far aprire magicamente il mondo per scoprire particolari che la velocità e la frenesia dei nostri tempi rende invisibili.
L’evento si terrà Domenica 12 ottobre, con due partenze dal Parco Archeologico del Trabocchetto di via Reggio Campi II° Tronco (vialetto di accesso accanto all’ingresso del Parco Fiamma) alle ore 10.00; è alle ore 11.00. L’iscrizione alla FAIMARATHON si farà in loco. I Gruppi saranno accompagnati da volontari FAI attraverso le 9 tappe.
I percorsi
I Parchi ed i resti archeologici oggetto della visita coprono un periodo storico ampio che va da quello Greco della prima colonizzazione a quello Normanno.
L’attività prevista si integra anche nel programma già intrapreso dalla Delegazione di Reggio Calabria per la conoscenza e la valorizzazione dei siti archeologici cittadini.
Il percorso consentirà ai partecipanti di ammirare contestualmente le bellezze del Centro Storico, del Lungomare e le testimonianze dell’antico che la città può offrire.

All’interno del percorso è poi prevista una “Tappa chicca dell’itinerario” come richiesto dal FAI Nazionale. Il Fai Giovani RC ha scelto il Sito Archeologico Ipogeo di Piazza Italia.
Si tratta della più recente risorsa archeologico-culturale della nostra città. Gli scavi del 2000 hanno permesso di portare alla luce uno spaccato della stratificazione del centro storico reggino. Un sito di notevole interesse storico a testimonianza che la zona è da sempre stata al centro delle attività politica e sociale della città, riconoscibile attraverso la sovrapposizione in sei metri di ben undici fasi di edificazione, dal VII secolo a.C. fino ai primi del XIX secolo d.C.
La particolarità di questo sito, e da qui anche la scelta come “tappa chicca”, sta nell’importante restituzione storico-archeologica che il sito stesso offre. In questa tappa, infatti, il partecipante potrà ammirare in un, solo luogo, i resti delle testimonianze storiche della città che vanno dall’epoca greca arcaica a quella angioina.

L’evento è realizzato in collaborazione con la Soprintendenza Archeologica della Calabria, l’Assessorato Provinciale alla Cultura ed alla Legalità, il Comune di Reggio Calabria e alle Associazioni Sos Beni Culturali e Guardie Ambientali d’Italia.