fbpx

Barcellona (Me), Gruppo Bonina: incontro tra i lavoratori e la Cgil. Dichiarato lo stato di agitazione[FOTO]

/

10678737_10203434865249340_2908477011150869205_ndi Dario Lo Cascio e Carmelo Amato – Si è svolto questo pomeriggio,  a Barcellona Pozzo di Gotto,  l’incontro tra i lavoratori del Gruppo Bonina e il segretario della Cgil Salvatore Chiofalo. Al centro del dibattito la grave situazione lavorativa di circa 90 persone, con il Gruppo Bonina che nelle scorse settimane ha avviato le procedure di comunicazione preventiva di licenziamento.

I lavoratori, che non percepiscono stipendi da diversi mesi, sono esasperati e minacciano azioni eclatanti per difendere i propri posti. L’incontro odierno, avvenuto presso la sede della Cgil, spesso anche dai toni accesi, è servito per dichiarare ufficialmente lo stato di agitazione dei dipendenti.

Tutti i dipedenti, che si dividono in impiegati nel settore magazzino, direttori e addetti al magazzino e autisti, tra Barcellona, San Filippo del Mela, Giammoro e Villafranca Tirrena, sono esasperati e preoccupati per il proprio futuro perché, come abbiamo scritto ieri, affermano: “Non percepiamo stipendio da 3 o 4 mesi. Non riusciamo a garantire il cibo ai nostri figli o a pagare le varie bollette. Siamo esasperati e preoccupati per il nostro futuro occupazionale”.

La riunione di oggi è stata molto sentita da parte dei lavoratori. Il sindacato, in un primo tentativo di approccio con la CSRS Spa, non è riuscita ad ottenere le risposte sperate. Ad oggi i lavoratori non hanno ricevuto alcun documento di mobilità, e la paura è che, se l’accordo sopraggiungerà oltre il 31 dicembre, andrà perduto un anno di mobilità. Si è quindi convenuto di tentare un incontro con la società entro le prossime 48 ore. In questo vertice si dovrà giungere ad un accordo non solo riguardante la mobilità, ma anche sulle mensilità arretrate. In caso contrario i lavoratori si dicono pronti ad occupare le varie piattaforme.