fbpx

Tragedia ad Agrigento, il padre: “non sono riuscito a liberarli”

vulcanello-macalubbe-1Ripete sempre la stessa frase e non riesce a darsi pace: ‘perche’ non sono riuscito a liberarli‘”. E’ la condizione disperata di Rosario Mulone, il carabiniere di 46 anni che ieri ha perso i due figli nella esplosione dei vulcanelli nella riserva di Maccalube, ad Aragona (Agrigento). A riferire la circostanza e’ il cappellano militare dei Carabinieri della Legione Sicilia, don Salvatore Falzone, rimasto in ospedale fino a tarda notte e poi tornato stamane per dare conforto a Rosario e alla moglie Giovanna Lucchese. “Stanotte non hanno dormito – aggiunge il religioso – abbiamo cercato di dare loro conforto e i carabinieri hanno istituito un presidio permanente davanti all’ingresso della loro stanza. Entrambi si chiedono ripetutamente il perche’ di questa tragedia e Rosario continua a dire: ‘li avevo per mano'”. “Piangono – conclude don Falzonee ogni tanto si abbracciano. Ho provato a spiegare loro che non ci esistono spiegazione razionali per una tragedia di questa entita’, ma solo la fede puo’ dare loro conforto“.