fbpx

Siracusa, vertice per il piano d’assetto idrogeologico della città

/

imagesVertice stamani a Siracusa con i tecnici del Comune, del dipartimento provinciale della Protezione civile e dell’assessorato regionale al Territorio e Ambiente per elaborare il piano per l’assetto idrogeologico della citta’. Un piano che andrà poi messo in relazione con la pianificazione urbanistica. ”Servirà a prevenire i rischi delle alluvioni e ridurre i pericoli per cittadini, beni culturali e attività economiche” ha spiegato l’assessore al Territorio ed ambiente della Regione siciliana, Mariarita Sgarlata. ”L’approvazione del piano – ha aggiunto – è un passaggio fondamentale sia per accedere ai finanziamenti messi a disposizione dalla Comunità europea sia perché è parte integrante di un percorso di crescita civica rivolto all’attivazione di comportamenti orientati alla prevenzione. Il nostro obiettivo è legare quanto previsto dalla direttiva con la programmazione di ciascun territorio in maniera tale da capire quali siano le esigenze primarie e in quali zone intervenire in maniera prioritaria”. L’incontro di questa mattina scaturisce in particolare dal piano alluvioni che dà attuazione alla direttiva comunitaria 2007/60 e al decreto legislativo 49/2010. La direttiva indica come prioritarie la prevenzione, la protezione e la preparazione, soprattutto in riferimento alle previsioni delle alluvioni e ai sistemi di allertamento per le popolazioni. Insieme ai rappresentanti del Comune e della Protezione civile si è fatto il punto sulle zone che presentano i maggiori rischi per le alluvioni. ”Ritengo che le aree sulle quali bisognerà intervenire con la massima priorità – ha concluso l’assessore – siano zone come i Pantanelli piuttosto che il Villaggio Miano e l’area del fiume Anapo”. Insieme ai tecnici del Comune e della Protezione civile di Siracusa proseguirà adesso il lavoro di programmazione e individuazione delle esigenze sulle quali intervenire. L’assessore Sgarlata, nei prossimi giorni, proseguirà invece il tour di incontri anche nelle altre province siciliane.

Fonte MeteoWeb