fbpx

Le scelte del passato, l’impegno del futuro: il rapporto ai cittadini di Confindustria Reggio Calabria

confindustriaSi intitola “Le scelte del passato, l’impegno del futuro”, il vero e proprio rapporto ai cittadini di Confindustria Reggio Calabria. L’associazione degli Industriali, dopo aver lanciato ai primi di settembre l’ipotesi di un patto civico per la città, in occasione della presentazione delle liste per le elezioni comunali ha inteso rivolgersi direttamente ai reggini, tornando sui motivi e sul senso della propria iniziativa, e ribadendo il proprio impegno per la collettività.

«Abbiamo compiuto la scelta giusta. E oggi, a distanza di quasi un mese, ne siamo ancora più convinti – si legge nel rapporto –. Noi, industriali della Città metropolitana di Reggio Calabria, il 3 settembre scorso abbiamo lanciato un appello a tutte le forze sane di questo territorio, chiedendo di fare fronte comune per sostenere la società e l’economia reggine. È stata una decisione legittima e necessaria, e riteniamo che avessimo il diritto e il dovere di assumerla. Perché siamo classe dirigente della Città metropolitana e, come tale, dobbiamo farci carico anche noi della parte di responsabilità che ci compete. Ci siamo rivolti ai cittadini formulando una proposta e per questo, pubblicamente, abbiamo il dovere di rapportarci nuovamente con loro. Direttamente, senza filtri».

Reggio-CalabriaL’associazione di via del Torrione prosegue: «Ritenevamo che Reggio Calabria avesse bisogno di mettere assieme tutte le sue energie migliori e che questa aggregazione dovesse essere armonizzata da un direttore d’orchestra, un capitano coraggioso, un imprenditore. Non si sono verificate le condizioni perché ciò avvenisse. Ma non per questo, adesso, abdichiamo al nostro ruolo. Quello di rappresentare gli interessi sani dell’economia reggina e di una larga parte della comunità locale che, per il commissariamento delle sedi istituzionali democratiche e i limiti del sistema della rappresentanza politica, vede in Confindustria Reggio Calabria un punto di riferimento vicino, sicuro e credibile».

Ad avviso di Confindustria, «attraverso la proposta, che ha costituito il punto più alto di un percorso di costante stimolo nei confronti della politica e della pubblica amministrazione, è stato ottenuto un risultato per noi di grande valore: dare un contributo a migliorare il dibattito e stimolare i candidati a occuparsi dei temi veri che riguardano la Città metropolitana e che, nei mesi scorsi, sembravano essere passati in secondo piano».

reggio-calabria-02«Oggi – dicono ancora gli industriali – ribadiamo quanto già scritto il 3 settembre: “Il compito più importante, per chi andrà ad assolvere la delicata funzione di amministrare il Comune, dovrà essere quello di avviare una paziente e certosina opera di ricostruzione di rapporti politici sani, attraverso il ruolo fondamentale delle Istituzioni, dei corpi sociali intermedi e della società civile”. Siamo ancora fermamente convinti che Reggio Calabria abbia bisogno di questo, per ripartire e per conoscere una nuova stagione di legalità, di lavoro, di rilancio dell’economia e di sviluppo sociale, all’altezza delle sfide che si intravedono all’orizzonte delle Città metropolitane».

L’azione dell’associazione degli industriali, annuncia il rapporto ai cittadini, proseguirà con l’obiettivo di contribuire attivamente al bene comune: «Sottoporremo le nostre proposte per il rilancio dell’economia ai candidati, perché senza sviluppo non c’è legalità, e senza legalità non ci può essere sviluppo. Continueremo a lavorare per contribuire al riscatto di Reggio Calabria e per costruire, mattone dopo mattone, un futuro migliore per i nostri figli. In bocca al lupo ai candidati, e auguri alla nostra amata Città».