fbpx

Reggio, il candidato Dattola ha incontrato Confedilizia e Uppi: “E’ mio intento alleggerire la pressione fiscale”

Lucio-DattolaLa necessità di ridurre le imposte sugli immobili per ridare fiato al mercato delle locazioni, incentivare le compravendite e fare ripartire l’edilizia soprattutto attraverso il recupero e la riqualificazione degli edifici, sono stati alcuni tra i temi al centro dell’incontro avuto con i rappresentanti di Confedilizia e di Unione piccoli proprietari immobiliari. Il candidato sindaco della coalizione di centro destra Lucio Dattola si è detto concorde alle richieste avanzate, impegnandosi nella valutazione delle problematiche a lui sottoposte.

L’Uppi e la Confedilizia hanno fatto valere la necessità impellente di ridurre anche il costo dei servizi: acqua, rifiuti, tassa di occupazione del suolo, tassa sulla pubblicità, aumentate tutte, esageratamente, negli ultimi anni.

Lucio Dattola ha concordato sull’utilità di moderare tali spese per dare ossigeno alle famiglie. “E’ mio intento-ha dichiarato Dattola- alleggerire la pressione fiscale che grava sui cittadini per fare ripartire l’economia, tenendo conto naturalmente dei limiti consentiti dal bilancio.” Per quanto riguarda l’Imu, che nel comune di Reggio è attualmente al massimo, Dattola si è poi impegnato, in caso di successo elettorale, a ridurre le aliquote per i contratti a canone concordato e a tenere conto delle altre agevolazioni consentite dalla legge.

Stimolato dai rappresentanti dei proprietari immobiliari che hanno lamentato la grave crisi che costringe spesso a diminuire gli importi delle locazioni e ad avere quindi immobili sfitti pagando oltre l’ottanta per cento del reddito per fare fronte alle tasse, l’attuale Presidente della Camera di Commercio di Reggio ha risposto che metterà l’esperienza maturata al servizio delle imprese per amministrare in maniera efficiente cercando Di mettere il meno possibile la mano in tasca ai contribuenti.

Sensibile anche al tema delle energie rinnovabili, del risparmio energetico e della riqualificazione del centro e delle periferie afferma a conclusione che “Ci sono in cantiere progetti importanti a cui andrebbe dato un senso, Reggio e’ una città ricca ma improduttiva, la mia sfida è quella di far ripartire il territorio partendo dalle risorse di cui disponiamo, sia a livello umano che burocratico e fare ripartire nel caso di specie quindi anche gli uffici di urbanistica il cui blocco delle procedure autorizzative danneggia gli imprenditori edili, i professionisti e tutti i cittadini”.