fbpx

Reggina-Messina, Orlando come Musa: decide il derby all’esordio in trasferta 0-1

gol Orlando Messina 01La favola di Luca Orlando, eroe del Messina dopo lo straordinario gol siglato con il “colpo dello Scorpione”che ieri sera ha deciso il Derby dello Stretto del Granillo vinto 0-1 dai peloritani sul campo della Reggina, ricorda quella di Ezio Musa e la storia, con i suoi corsi e ricorsi, sembra ripetersi.
Serie C, girone C. Stagione 1974/1975. Un campionato molto simile a quello attuale, con 20 squadre tra cui le due dello Stretto ma anche Lecce, Benevento, Salernitana, Casertana, Barletta e Matera, tanto per dirne alcune che ci sono anche quest’anno, oltre a Catania, Bari, Siracusa, Trapani, Crotone e altre.
A fine stagione Reggina e Messina arrivarono seste a parimerito, nel campionato vinto dal Catania di un punto sul Bari. I derby di quell’anno li vinse entrambi il Messina: 2-1 il 23 marzo 1975 al Celeste e 0-1, proprio come ieri sera, al vecchio Comunale di Reggio Calabria il 3 novembre 1974. Era la settima giornata di campionato. Il Messina aveva appena acquistato Ezio Musa, comprato dall’Arezzo dall’allora presidente Giovanni Gulletta per la cifra di 150.000 lire dell’epoca. Musa arrivò a Messina giovedì 31 ottobre. Dopo tre giorni, domenica 3 novembre, parcheggiò la sua auto a Messina, prese il traghetto, attraversò lo Stretto e nell’esordio con la maglia del Messina decise il Derby vinto dai peloritani con il risultato di 0-1. Proprio come ieri sera. Proprio come Luca Orlando. Per Musa fu l’inizio di una grande esperienza con il Messina (44 presenze e 14 gol in due stagioni).