fbpx

Incidente Raffineria di Milazzo, tutta la verità sulla “Virgin Nafta”: ecco perchè la gente ha paura

/

milazzo incendio raffineriaPoco dopo il divampare dell’incendio, sul sito del comune di Milazzo, è stata avviata una diretta news, con le tutte le informazioni che venivano aggiornate di pari passo all’evolversi dell’emergenza. Uno di questi comunicati veniva corredato da un documento intitolato “Scheda di informazione alla popolazione sui rischi di incidente rilevante- Norme comportamentali da adottare in caso di incidente rilevante derivato dalla presenza della Raffineria di Milazzo”. Un documento importante, datato giugno 2011, che in queste ore sta facendo il giro dei social e dei siti di informazione. Le norme contenute in tale file – si legge – “tengono conto del Piano di emergenza predisposto dalla Prefettura di Messina nel 2008”.

Dopo l’incendio alla Raffineria, complice anche la sconfinata libertà che caratterizza internet, su Facebook si sono scatenate innumerevoli polemiche. Niente di nuovo: oggi la rete ci permette di dire la nostra su qualunque argomento, ed era fin troppo scontato che un evento di una portata tale come quello accaduto a Milazzo avrebbe avuto (come avrà per chissà quanto tempo) un seguito di opinioni anche molto divergenti tra loro.

Veniamo dunque al documento in questione. Perché ora viene così attenzionato?
In queste ore si è parlato della Virgin Nafta, contenuta nel famoso serbatoio TK513 della Raffineria di Milazzo. In un primo momento, questa informazione aveva costituito un motivo per tirare un sospiro di sollievo. Secondo alcuni, il fatto che si trattasse di Virgin Nafta, significava infatti una “fortuna nella sfortuna“, in quanto la sostanza veniva ritenuta meno nociva di altre.

virgin nafta particolareAlla vista della scheda di informazione cliccabile sul sito del comune, però, molti sono rimasti increduli e le domande sono vertiginosamente aumentate. Alla sezione 4, pag.18, si legge che le benzine e le virgin nafte, alla voce “Principali caratteristiche di pericolosità”, rientrerebbero nella categoria descritta così: “estremamente infiammabile, può provocare il cancro, può provocare alterazioni genetiche ereditarie, irritante per la pelle, possibile rischio di danni ai bambini non ancora nati, tossico per gli organismi acquatici, può provocare a lungo termine effetti negativi per l’ambiente acquatico, nocivo: può causare danni ai polmoni in caso di ingestione, l’inalazione dei vapori può provocare sonnolenza e vertigini”.

A intervenire sullo stesso tema è poi il professore di teoria e tecnica di trasporti marittimi negli istituti nautici,  Pippo Isgrò, che, in una nota inviata alle diverse testate giornalistiche, evidenzia come la Virgin Nafta rientri “negli idrocarburi pericolosi“. “A Milazzo – spiega ancora il professore – trattasi di un caso di esplosione e incendio che sta producendo fumo nero e calore ad alte temperature che, per effetto dell’irraggiamento, sta interessando ampie aree a ridosso della raffineria ma anche zone a media e lunga distanza dall’esplosione. I danni latenti gravi e devastanti a persone, ai terreni agricoli e alle innumerevoli coltivazioni di prodotti orto-frutticoli, che interessano anche le acque marine e la fauna ittica, al momento non sono quantificabili. Gli effetti del disastro si vedranno nel medio e lungo termine, quando i fumi e i vapori propagati nell’atmosfera, sia per effetto del calore che dell’azione dei venti dominanti nella zona, avranno arrecato danni ambientali e fisici, agli abitanti delle zone intorno alle aree contaminate. I fumi e le polveri prodotti dalla Virgin Nafta combusta, potranno causare le seguenti patologie:irritazione della pelle; sonnolenza e vertigini; aspirando grosse quantità di vapori e polveri può insorgere la “Polmonite Chimica”; effetti Neoplastici (Cancro e Leucemie); può risentine la fertilità o il feto; essendo tossico,può avere effetti dannosi e di lunga durata, per gli organismi acquatici distruggendo anche l’habitat naturale della flora e della fauna della fascia costiera antistante la raffineria e delle aree adiacenti; alterazioni genetiche”.

“Questi errori – commenta ancora Isgrò, rivolgendo il suo appello agli amministratori locali e nazionali – non dovranno più essere commessi!”. “Le aree dovrebbero essere bonificate e riconvertite in aree turistiche, iniziando una nuova stagione di investimenti nel settore Turistico-Alberghiero, Eno-Gastronomico e valorizzando i beni culturali. Il personale dovrebbe essere “ristorato”con congrui indennizzi, sia di natura economica che previdenziale, per quanti fossero in età pensionabili mentre i più giovani dovrebbero essere riconvertiti con un’adeguata formazione ed essere reinseriti nelle strutture turistiche. Chi scrive  conclude nel suo intervento il professore – ha girato il mondo e invito chi leggerà questa mia nota, a chiudere gli occhi per un momento, cancellando virtualmente la Raffineria Mediterranea e la Centrale Elettrica e immaginando al loro posto, Alberghi.Lidi Balneari, Resort e Centri Benessere. Non sarebbe uno spettacolo magnifico? La Baia di Milazzo e il suo entroterra, per la posizione geografica, non avrebbero nulla da invidiare alla Baia e al “Fronte Mare” di Rio de Janeiro. Concludo la mia nota, tra il sogno e l’utopia con le mie futuribili prospettive e speranze che non hanno di certo inquinato il cuore dei miei conterranei;ho solo voluto manifestare tutto l’amore che nutro per la mia terra”.

L’auspicio dei cittadini – anche se resta difficile mantenere la calma – è quello di poter ricevere maggiori rassicurazioni, ma soprattutto quello di essere informati realmente sulle conseguenze di quella notte di paura alla Raffineria.