fbpx

Don Scordo condannato ad un anno di reclusione viene “premiato” parroco di Gioia Tauro

/

imagesIn politica quando un condannato viene candidato in una lista o siede in qualche istituzioni scoppia la polemica e si chiedono subito le dimissioni; talvolta parte la gogna mediatica e in alcuni casi anche giustamente, quando si tratta di gravi reati ai danni della comunità. Invece per la vicenda di un parroco condannato ad un anno di reclusione nel 2012 per falsa testimonianza nel processo per la terribile storia di Anna Maria Scarfò, tutto sembra passare sotto traccia. Parliamo di don Antonio Scordo, “premiato” dalla diocesi Oppido-Palmi, come nuovo parroco del Duomo di Gioia Tauro. Il prete, quando era parroco a San Martino di Taurianova, nel reggino, fu tra coloro che invitò Anna Maria Scarfò, allora 13enne, a tacere sulle violenze sessuali che stava subendo da parte di ben 12 persone, minimizzando quanto le stava succedendo. L’uomo finì a processo, rese falsa testimonianza e venne condannato ad un anno di carcere con pena sospesa. Ci saranno altri due gradi di giudizio dove don Scordio potrà difendersi e far valere le proprie ragioni. Ma intanto sta di fatto che la nomina a parroco di Gioia Tauro stride con il coinvolgimento del parroco in una vicenda così barbara.