Sicilia, le comunità per minori stranieri rischiano di chiudere

Immigrazione:400 soccorsi in Canale Sicilia, 260 sono minori I gestori delle 80 comunità alloggio e case famiglie per minori stranieri non accompagnati in Sicilia rischiano di chiudere. Da due anni non percepiscono finanziamenti pubblici e da qualche tempo non hanno nemmeno i soldi per pagare gli stipendi ai propri dipendenti (circa 700 persone tra medici, educatori, infermieri e inservienti) e per comprare medicine e cibo per bambini e ragazzi che ospitano sono, sostengono, costretti a indebitarsi. A denunciarlo è l’associazione Cicam.