Sceicco acquista “La perla Jonica” di Acireale, diventerà “Hilton Capo Mulini” [FOTO]

la perla jonicaLa Item srl, societa’ di investimenti e sviluppo di Catania il cui principale azionista e’ lo sceicco degli Emirati Arabi Hamed Al Hamed, presidente di uno dei fondi di investimento piu’ importanti del mondo, ha acquistato il complesso turistico alberghiero di Acireale “La Perla Jonica”. L’atto e’ stato perfezionato oggi e con il passaggio di proprieta’ saranno avviati i lavori per trasformare la struttura in un nuovo 4 stelle superior, esclusivamente a uso alberghiero e convegnistico. E il primo investimento emiratino privato e non con fondi sovrani, fatto in Italia. Il progetto prevede un investimento totale di circa 140 milioni di euro per l’avvio della struttura destinata a diventare il complesso convegnistico-alberghiero piu’ grande del Mediterraneo, che prenderera’ il nome di Hotel Hilton Capo Mulini e sara’ gestito dal gruppo internazionale di hotellerie. A regime, vi saranno impiegare circa 400 persone. A sottolineare il valore decisivo di Capo Mulini per il territorio siciliano, qualche settimana fa, il governo lo aveva inserito tra i progetti beneficiari dei finanziamenti europei che, per mezzo dei contratti di sviluppo gestiti da Invitalia, sostengono la realizzazione di investimenti identificati come strategici in diversi settori, tra cui il turismo. Il progetto Capo Mulini era stato presentato dalla Item nel 2012, e ha ottenuto agevolazioni in forma di contributo a fondo perduto per 24 milioni di euro, pari al 50% dei lavori di ristrutturazione, mediante uno dei 24 contratti di sviluppo per investimenti strategici incentrati sul Mezzogiorno e con i quali si utilizzano fondi europei 2007-2013 che sarebbero stati persi se non impegnati entro i termini previsti. Rispetto al valore peritale del complesso “Capo Mulini”, pari a 28,5 milioni di euro secondo la valutazione indipendente disposta dal ministero dello Sviluppo economico, l’acquisto da parte di Item srl ha avuto un controvalore complessivo di 34,6 milioni euro, oltre all’accollo delle spese procedurali, per un totale di 35 milioni e 160 mila euro. La fase di acquisto del complesso e’ stata portata a termine anche grazie a un finanziamento concesso da Monte dei Paschi di Siena Capital Service. Il progetto della nuova proprieta’ per la futura struttura alberghiera e congressuale “Hotel Hilton Capo Mulini” prevede cosi’ un investimento complessivo che raggiunge i 140 milioni di euro, tra acquisizione, ristrutturazione, opening e fase di start-up del complesso. Sara’ il primo hotel d’Europa completamente “green” e potra’ ospitare quasi 1.000 persone, conla struttura convegnistica piu’ grande del Mediterraneo per circa 2.200 persone. Il progetto richiedera’ da 18 a 24 mesi per il completamento dei lavori, impiegando fino a 300 addetti. Durante i lavori, il general contractor avra’ l’obbligo di avvalersi di imprese locali per incrementare le ricadute economiche sul territorio, mentre, una volta a pieno regime, il complesso dara’ lavoro a 400 famiglie oltre l’indotto.