Reggio: al via la ripavimentazione di Piazza Italia

piazza italiaIn concomitanza con i lavori di rifacimento del Corso Garibaldi di Reggio Calabria, arriva la notizia che riguarda il completamento del progetto di sistemazione di Piazza Italia, previsto e sottoscritto con un protocollo d’intesa siglato a dicembre 2013 dall’Amministrazione comunale e dalla Soprintendenza archeologica, che si è impegnata nel restauro conservativo dei resti archeologici sottostanti la piazza.

A comunicarlo stamane, La Gazzetta del Sud, su cui si legge che l’intero progetto della piazza prevede la “ripavimentazione e interventi di restauro dei reperti archeologici”.

Sono passati due anni, come ricorda La Gazzetta, dal posizionamento del tappeto sintetico, divenuto ormai luogo di svago e ritrovo di ragazzi, bambini, adulti; adesso, finalmente, in seguito all’approvazione del progetto esecutivo, con determinazione dirigenziale dello scorso 23 luglio, i lavori potranno proseguire.

La Regione ha stanziato ben 800 mila euro per il progetto, con l’intento principale di valorizzare nel migliore dei modi i beni culturali, e le procedure portate avanti fino ad oggi dai tecnici comunali e dal Rup (responsabile unico del procedimento), arch. Daniela Neri, sembrano rispettare i tempi contemplati dai finanziamenti comunitari (Por Calabria Fers 2007-13).

Tra le cosa da rifare, si legge sempre su La Gazzetta del Sud, innanzitutto è prevista la sostituzione del marmo di Carrara della piazza, ormai logorato, con pietra locale, proveniente dalla cava di Lazzaro; si procederà, poi, ad un’opera di restauro e consolidamento di parte dei resti delle mura risalenti all’età bizantino-normanna, insieme a lacerti di mura romane, site nel settore centrale e Nord-Ovest dell’area archeologica.

L’intera ripavimentazione di Piazza Italia rispetterà in pieno le delimitazioni attuali degli spazi.

Un buona notizia, quindi, quella trasmessa quest’oggi, soprattutto  per i reggini, una speranza che in futuro le cose, anche le meno importanti, che rappresentano la storia di Reggio, possano evolversi e dare una spinta positiva alla città.