Reggio, Renzi: “turismo fondamentale per la crescita”. Le parole del premier in riva allo Stretto

ANGILLETTA - MATTEO RENZI CONTESTATO A REGGIO CALABRIASul fronte del turismo “abbiamo un grande spazio di crescita che non si pone contro l’attività manifatturiera tradizione. O riusciamo a cogliere le potenzialità” del mercato globale “o perdiamo le chance per il futuro“. Lo ha detto il premier Matteo Renzi in conferenza stampa a Reggio Calabria, nella seconda tappa della sua giornata nel sud Italia. “Avevamo presentato l’ultima volta – ha aggiunto – dei dati preoccupanti circa i denari spesi per il territorio. Sui fondi 2007/2013 l’altra volta avevamo il 50% dei fondi spesi in tutte le regioni. Oggi abbiamo speso negli ultimi tre mesi, 2,3 miliardi di euro sui 47 miliardi di fondi europei complessivi, il che porta i fondi spesi al 58%. Non ancora un risultato soddisfacente ma, soprattutto vorremmo spendere questi soldi su progetti non frammentari e strategici”. “Esiste uno spazio da coprire in questo senso – ha detto ancora Renzisui fondi sviluppo e coesione. I denari a disposizione sono davvero tanti ecco perché nell’appuntamento del prossimo 7 novembre bisognerà avere le idee chiare. Toccherà ai parlamentari segnalare le cose che vanno e che non vanno per poi spendere i fondi, anche utilizzando altri strumenti“. Il premier ha fatto quindi riferimento ai contratti i sviluppo: “In Calabria – ha detto – ne abbiamo firmati due (in Campania che è più popolato ne abbiamo firmati 18 per un miliardo di euro) e penso che dobbiamo investire ed intervenire con i contratti di sviluppo, almeno con uno al mese, fino a novembre. Chiedo alle istituzioni di individuare le aziende che hanno le caratteristiche per entrare in questa disciplina perché penso che sia interessante dal profilo turistico. Segnaliamo che ci sono 800 milioni di consumatori che si stanno affacciando al mercato globale“.