Reggio, l’Aurora Calcio si ritrova a Croce Valanidi per l’inizio della preparazione atletica [FOTO]

aurora preparazionedi Nicolino D’Ascoli - L’Aurora si ritrova a Croce Valanidi per l’inizio della preparazione atletica gestita dal Prof. Lorenzo D’Ascola. I calciatori, vecchi e nuovi, arrivano al campo di allenamento con una puntualità impressionante. I vecchi si rivedono dopo le vacanze estive e nei loro sguardi c’è quella complicità calcistica che ha portato loro a 3 promozioni consecutive, c’è la voglia di continuare a fare bene, a divertirsi giocando a pallone. I nuovi non sono per nulla spaesati, sembra che facciano parte della famiglia Aurora da tempo immemore, si sono integrati subito e bene. Prima dell’inizio della sessione di allenamento c’è tempo per due battute e due pacche sulle spalle, il gruppo è solido, la dirigenza ed i calciatori sembrano fondersi in un tutt’uno. E’ questa la filosofia Aurora, non esistono problemi di natura commerciale, non esistono problemi economici, non esiste l’io, esiste il noi, esiste il pallone come unico scopo di vita.

Durante l’allenamento c’è il tempo per chiacchierare con i mister e la dirigenza, un’intervista sobria, facile da condurre, parole scambiate con una semplicità ed una onesta estrema degna del mondo calcistico reale, non quello fatto di business ed interessi economici. Il D.S. Ciccio Sconti ci racconta del suo felice “stress” per l’Aurora, “questo è il quarto anno consecutivo – spiega – che confermiamo in blocco almeno 20 calciatori, elementi validissimi sia tecnicamente (altrimenti non si spiegherebbero tutti questi successi) che umanamente. Dopo la promozione conquistata mi sono subito adoperato nella ricerca di nuovi calciatori da tesserare per puntellare il forte gruppo, ed anche quest’anno siamo riusciti a trovare persone disponibilissime che hanno sposato un progetto importante, che hanno sposato l’Aurora. Al momento non abbiamo trattative in corso, solo se ci saranno determinate condizioni prenderemo qualche altro ragazzo, altrimenti va bene così”.

Il Presidente Del Popolo è lì accanto al suo dirigente, in tenuta sportiva, a dimostrazione della piena fusione staff – calciatori. Vorrebbe lasciare dei commenti istituzionali, ma il suo cuore, la sua sensibilità hanno la meglio sulla razionalità, per lui l’Aurora è amore. “Come ogni anno il nostro obiettivo è fare bene, disputare un campionato di tranquillità e divertire i nostri tifosi. Non siamo presuntuosi, è il primo anno che affrontiamo la Promozione e saremmo dei folli se pensassimo a cose più grandi di noi. Affronteremo ogni match con professionalità ed estremo agonismo, vedremo che succederà.”

Dopo la prima parte di allenamento lo storico mister Giovanni Minniti fa il punto della situazione, “ci stiamo allenando bene, i nuovi arrivati si sono subito trovati a loro agio. Il segreto della mia permanenza sulla panchina bianco/blu ? la massima educazione ed il massimo rispetto nei miei confronti da parte dei calciatori. Il prossimo campionato sarà difficilissimo, ma abbiamo le carte in regola per poter dire la nostra, vogliamo ben figurare, da parte mia ci sarà tutta la disponibilità di questo mondo, sarò a fianco dei ragazzi 24 ore al giorno.”

Andrea Ferri, allenatore in seconda, è invece alla sua prima esperienza in panchina. “Vari problemi fisici mi hanno spinto a prendere questa decisione, un po’ sofferta ma presa in assoluta tranquillità. Lotterò dalla panchina e sosterrò i ragazzi in allenamento come in partita. A mio giudizio abbiamo un forte gruppo e possiamo fare bene. Penso alla salvezza, ma visto che sognare non costa nulla perché precluderci sin dall’inizio qualcosa di più importante ? Con umiltà ed onestà sappiamo che ci sono squadre più forti e più attrezzate di noi, le affronteremo con determinazione e rispetto. E’ importante ora allenarsi bene per non arrivare impreparati a Settembre.”

Intanto arriva la notizia ufficiale della firma di Domenico Calarco. Il portiere, ex Bovalino, ha sciolto ogni dubbio rifiutando molte richieste di altre società. Approda all’Aurora perché ha sentito subito sue le forti motivazioni di tutto l’ambiente, e dopo 228 presenze tra Promozione ed Eccellenza è pronto a questa nuova sfida. Giusto per intenderci, l’estremo difensore, porta con sé un record positivo che farebbe gola a qualsiasi portiere, l’anno scorso ha neutralizzato 5 rigori su 7. Scusate se è poco.