Reggio, Continent Island GPS Race. Un reggino amante del windsurf a Strettoweb: “Sono un architetto surfista”

IMG_4065Continua l’evento “Continent Island GPS Race”  sul lungomare Falcomatà di Reggio Calabria, e continuano ad arrivare atleti, professionisti e non, da ogni parte di Italia e del mondo, che si sfideranno nella ormai “classica” traversata dello Stretto in kite e windsurf.
Tra di loro c’è anche un reggino doc, Palmiero Cecala, di 48 anni, che da ben 20 anni pratica il windsurf; un architetto amante delle onde, ecco come si è presentato ai microfoni di Strettoweb Cecala, che partecipa alla manifestazione da anni:
Ho vinto sia il primo, che il secondo e il terzo posto nella traversata – ci racconta Palmiero Cecala – e attualmente – continua – mi sono posizionato a metà classifica del Campionato Zonale Sicilia-Calabria”.
In merito alla sua passione per il windsurf, Cecala ci racconta che “ho sempre fatto sport in vita mia: in contemporanea al windsurf, per esempio, praticavo l’hockey. Una volta entrato nell’ottica dell’attività sportiva, qualunque essa sia, è difficile uscirvi. Io ho studiato architettura, ma la passione per lo sport, e soprattutto per questo sport (il windsurf), è troppa per rinunciarci.
La ‘Continent Island GPS Race’ – dice infine Palmiero Cecala è un format che se migliorato volta per volta è unico nel suo genere; trasmette agli appassionati, giovani e non, un input per provare, anche solo per gioco, il surf”.
Il surf, uno sport a cui Cecala ha dedicato tanta passione e impegno, che costa anche tanto in termini di spese, un problema che lo stesso Cecala ha risolto rifacendosi agli  sponsor,  ma che dona grandi soddisfazioni e il massimo del divertimento.