Reggina, per Di Noia ci siamo. Gli ultimi giorni di mercato saranno di fuoco, in entrata e in uscita…

Cozza Regginadi Lorenzo Vitto - Reggina e il mercato, punto e capo. Non si muove foglia in entrata anche se la squadra che Cozza schiererà domenica pomeriggio al Granillo con la Casertana potrebbe subire delle variazioni. Infatti, una volta mandata in archivio la prima giornata di campionato, rimarranno ancora 24 ore di trattative perché c’è tempo di depositare i nuovi contratti fino alle ore 23 di lunedì 1 settembre. Dopo l’addio di Burzigotti, il reparto difensivo è rappresentato da Camilleri, Di Lorenzo, Crescenzi, Syku, Ungaro, e poi Aquino, Karagounis e Porcino che possono fare gli esterni e sono più utili, in base alle loro caratteristiche, nella difesa a 4. Fermo restando che i tre centrocampisti Armellino, Rizzo e Dall’Oglio sono la spina dorsale della linea mediana, gli altri che completano il reparto sono Maita, Salandria e Condemi. In attacco pullulano le seconde punte e con l’arrivo di Insigne non è da scartare l’ipotesi che uno tra Viola e Di Michele possa cambiare aria. I tanto reclamati esterni che Cozza chiede da tempo a Foti, dovrebbero concretizzarsi. Intanto giovedì potrebbe essere il giorno giusto di Di Noia in amaranto e la conferma arriva proprio da Bari. Tuttavia le caratteristiche del promettente mancino barese si addicono maggiormente nel ruolo di interno di centrocampo nel 3-5-2 come veniva utilizzato nel Pontedera, anche se ha iniziato da terzino sinistro nelle giovanili del Bari. La prima verifica con la Casertana. Da domani continueranno le prove, come stamattina, del 3-5-2. Comunque importante è utilizzare i calciatori nel loro ruolo naturale e non adattarli.