Messina, Horcynus Festival: è la serata dedicata a Pier Paolo Pasolini

Pier Paolo Pasolini a Matera insieme a Elsa Morante, Susanna Paolini e Graziella Chiarcossi (Fotografia di Angelo Novi - Cineteca di Bologna)Era il 1964 quando Pier Paolo Pasolini realizzava quello che per la critica è il suo miglior film: Il Vangelo secondo Matteo, incentrato sulla vita di Gesù come descritta nel Vangelo dell’apostolo. “Arcipelaghi della Visione”, la sezione cinematografica dell’Horcynus Festival diretta da Franco Jannuzzi, dedica la giornata dal 4 agosto, 50 anni dopo l’uscita del film, ad un percorso, segnato dalle polemiche, tra le opere del regista e intellettuale.

Si comincia alle 20.30 con la proiezione de La Ricotta (1963, 35’), controverso e visionario episodio inserito nel film Ro.Go.Pa.G. che causa un terremoto ideologico e costa a Pasolini l’accusa di blasfemia ed offesa alla religione. Con Orson Welles che recita la parte del regista, La Ricotta è una coraggiosa e surreale parodia della Passione di Cristo in cui Pasolini mescola sacro e profano, politica e religione per rivisitare le ultime ore della vita di Gesù.

Appena un anno dopo La Ricotta, Pasolini – affascinato dalla carismatica e rivoluzionaria figura di Cristo – decide di realizzare un film sul Vangelo. Sceglie il più laico dei quattro, quello di Matteo, in cui meglio traspare il lato umano del Cristo. Il regista, marxista e non credente, boicottato dalla Chiesa e dalla morale borghese riesce a raccontare, con sguardo laico e stile asciutto, la storia di Gesù, tra vette di poesia e misticismo, senza rinunciare ai contenuti a sfondo politico e sociale.

La proiezione è in programma alle 23.00, anticipata dal film documentario Sopralluoghi in Palestina, girato nei veri luoghi della vita del Cristo durante le ricerche dello scenario per Il Vangelo secondo Matteo, che Pasolini girerà infine a Matera.

Alle 22.10 il Festival ospita Graziella Chiarcossi, docente universitaria, cugina di Pier Paolo Pasolini e testimone diretta del lavoro del regista per Il Vangelo secondo Matteo, in cui recita una piccola parte. “Con Graziella Chiarcossi – spiega Franco Jannuzzi – celebreremo questo capolavoro e indagheremo i motivi delle scelte che hanno guidato Pasolini nella realizzazione del film. Inoltre ragioneremo sul tema ‘Immanente Trascendente’ della sezione ‘Arcipelaghi della Visione’, qui centrale nel momento in cui il realismo marxista che segna l’impostazione pasoliniana incontra la figura di Cristo”. Evento nell’evento la proiezione di un’intervista di Franco Jannuzzi a Domenico Notarangelo, l’uomo che nel 1964 segue le riprese del Vangelo secondo Matteo e realizza fotografie oggi famosissime. All’opera di Pasolini, ed in particolare al romanzo Petrolio, è dedicato anche il quotidiano appuntamento con TrasBordi, la striscia letteraria a cura di Caterina Pastura e Massimo Barilla, in programma alle 22.00.

Alle 18.30 apre la giornata, per la sezione “Eventi Collaterali”, la presentazione del primo volume del progetto Black&White, il libro d’artista Orizzonti erranti di Fabio Adani. Interverranno Sergio Bertolami, nella veste di editore e rappresentante di Experiences, società promotrice dell’iniziativa, e le curatrici della collana, Adriana Cannaò e Elisabetta Lombardo, oltre all’autore.