fbpx

Marina di Patti (ME): partono i lavori per la ristrutturazione della scuola ‘F. Zuccarello’, oggi la firma del contratto

/

AL VIA NUOVO ANNO SCOLASTICO, FRA CARO-CRISI E PROTESTEE’ stato firmato questa mattina dalla Dirigente scolastica, la Prof.ssa Marinella Lollo, e dal responsabile della ditta Pinto Vraca s.r.l. di Patti, Sig. Giuseppe Pinto Vraca, il contratto per l’affidamento dei lavori di ristrutturazione del plesso scolastico “Filippo Zuccarello” di Marina di Patti (ME).

I lavori riguardano il progetto PON-FESR Asse II “Riqualificazione degli edifici scolastici pubblici in relazione all’efficienza energetica, alla messa a norma degli impianti, all’abbattimento delle barriere architettoniche, alla dotazione d’impianti sportivi e al miglioramento dell’attrattività degli spazi scolastici” nel plesso di scuola primaria “Capitano Filippo Zuccarello” di Patti – PON FESR 2007/2013 Asse II “Qualità degli Ambienti scolastici” – Obiettivo C “Ambienti per l’apprendimento””.

Nel 2011, pubblicata la prima graduatoria, risultava autorizzato, per un importo di 336.721,03 euro, il progetto per l’Istituto Comprensivo “V. Bellini”, poi smembrato, dal quale allora dipendeva il plesso “Filippo Zuccarello” poi confluito nell’Istituto Comprensivo n. 2 “Luigi Pirandello”.

A seguito di ciò era stato poi stipulato un accordo tra il Comune di Patti, che forniva il progetto esecutivo a firma dell’Ing. Tindaro Triscari, e l’Istituto Comprensivo per la realizzazione degli interventi di ristrutturazione. Le procedure di evidenza pubblica per il reperimento del Direttore dei Lavori e coordinamento della sicurezza e per l’individuazione della ditta alla quale affidare i lavori sono state avviate l’1 settembre 2013 dall’attuale dirigente scolastico Prof.ssa Marinella Lollo, Responsabile Unico del Procedimento, che coadiuvata dal supporto al Rup designato dall’Ente Locale, l’Ing. Tindaro Triscari, e dal personale amministrativo dell’Istituto, soprattutto nella persona dell’Assistente Sig.ra Concetta Cicero, è riuscita a portare a termine entrambe le procedure (Direzione lavori e selezione della ditta esecutrice).

E stato un compito davvero impegnativo – afferma la dirigente Lollo in riferimento al lavoro svolto negli ultimi mesi per accedere ai fondi, anche perché ciò si è aggiunto alla grande mole di lavoro quotidiano che la gestione di un Istituto così complesso richiede, senza assegnazione di ulteriori risorse umane all’ufficio, tant’è che molte scuole hanno optato per la rinuncia al finanziamento anche dopo l’assegnazione dei fondi. Al Ministero quando è stato predisposto questo Avviso si è parlato di una “scommessa” per le scuole; adesso di può ben dire con soddisfazione che la scommessa per l’Istituto Pirandello è stata vinta anche se i costi in termini di fatica, stress, sovraccarico di lavoro e di responsabilità sono stati immensi. La scuola non può, infatti, trasformarsi sic e simpliciter in stazione appaltante di lavori pubblici senza risorse umane aggiuntive.