La Reggina non c’è: memorial Franco Scoglio vinto solo ai rigori grazie a 3 parate di Leone

roberto insigne 01di Lorenzo Vitto - La Reggina non c’è, a una settimana dall’inizio del campionato la squadra di Cozza non convince anzi delude sempre di più. Dopo la vittoria risicata di mercoledì al Sant’Agata contro il Roccella, oggi pomeriggio allo Stanganelli di Gioia Tauro gli amaranto hanno dovuto attendere i calci di rigore per battere la Nuova Gioiese, squadra arcigna ma pur sempre militante in serie D. Un bruttissimo primo tempo quello della Reggina, con una sola occasione da gol ma anche qualche rischio in difesa. Amaranto meglio nella ripresa con l’innesto di Maita e l’esordio in amaranto di Roberto Insigne, subito tra i migliori in campo. Di Michele, però, sbaglia due gol facili prima di venire sostituito. Qualche spunto buono anche da Louzada, forcing nel finale con un rigore sparato alto da Condemi,  una traversa di Burzigotti e un altro gol divorato da Insigne. Si va così ai rigori, per la Reggina segnano Di Lorenzo, Louzada e Insigne mentre la Nuova Gioiese si presenta 4 volte davanti al dischetto ma riesce a segnarne solo uno perché il giovane Daniel Leone, 21 anni prodotto del vivaio amaranto (oggi titolare per l’assenza di Kovácsik) sbarra la porta parando ben tre penalty regalando così il trofeo che ricorda il “Professore” eoliano, Franco Scoglio.

A fine gara gli Ultras della Reggina (una decina presenti sugli spalti) hanno contestato la squadra prendendo di mira in modo particolare Armellino e Rizzo, invitandoli ad impegnarsi per la maglia amaranto. Effettivamente oggi molto male i due giocatori a centrocampo, tanto da essere sostituiti da Cozza già nel corso del primo tempo.

Le foto di Peppe Rotta e Lorenzo Vitto: