Cisl Reggio sulla visita di Renzi: “Spot elettorale o autentica attenzione per i drammi calabresi?”

cisl1Il Segretario Generale della Cisl di Reggio Calabria, Domenico Serranò si dice un pò perplesso dalla visita del premier Renzi: “l’“incursione”  del Premier  Renzi nel  Mezzogiorno, compresa la visita lampo di un’ora a Reggio, suscita più  di una  perplessità”. 

“Siamo al cospetto della “solita” passarella pre -  elettorale, “condita”  con le buone nuove sulle  OMECA, i finanziamenti  per il costruendo  tribunale di Reggio, l’imminente nomina del Commissario per la sanità calabrese, o, piuttosto,   è   la conferma della volontà manifestata  a più riprese dal   Governo nazionale di avviare a soluzione gli  atavici problemi che hanno sin qui impedito lo sviluppo della Calabria?”. 

“I prossimi giorni – si legge nella nota – ci sveleranno l’arcano! Frattanto gli esponenti locali, che hanno interloquito col Premier e la delegazione dei ministri, non hanno  lesinato  critiche al lassismo imperante, reiterando senza paure o infingimenti   le gravissime difficolta socio economiche in cui versano la neonata Città Metropolitana   ed il suo hinterland.

Tra le priorità spicca la  struttura portuale gioiese, “incompiuta”  per eccellenza, in ordine alla quale  il Presidente della provincia di Rc, Raffa, ha  consegnato al premier un “pro memoria” con le criticità (ed il ventaglio di  soluzioni).

Su tavoli diversi  è poi proseguito l’incontro col Ministro per il Welfare, Poletti, “naturale” prosecuzione della riunione avvenuta con una ristretta delegazione  il 14 maggio u.s., avente come oggetto  gli ammortizzatori sociali e gli LSU/LPU.

Il Ministro di fronte al forte dissenso manifestato dalle OO.SS per il mancato rispetto degli impegni assunti precedentemente ( chiusura di tutto il 2013 e avvio della stabilizzazione degli LSU/LPU)  ha assunto le seguenti determinazioni:

- inserimento di tutti i temi del lavoro, compresi gli amm/ri, nella cabina di regia per la Calabria,

- incontro Ministero/ Regione Calabria il 1^ settembre per un’operazione trasparenza sugli ammortizzatori, considerata la poca chiarezza che insiste tra le due istituzioni.

-   entro fine mese chiusura iter decreti attuativi x LSU/LPU.

Il Sud, segnatamente lo Stivale – conclude Serranò -  necessita ora più che mai di  azioni incisive che consentano ai nostri territori di affrancarsi da stereotipi del passato ancorati all’assistenzialismo ed a politiche passive del lavoro.

Il tempo per le “sfilate” è abbondantemente finito, così come la pazienza degli onesti”.