fbpx

Aurora Reggio: piedi per terra per continuare a volare in vista della nuova stagione

Danilo Del Popolo Presidente Aurora

di Nino Neri – Il modo di pensare su come fare calcio in casa Aurora non cambia assolutamente nonostante le tre promozioni di fila che la porteranno a disputare (tra un mese circa ) il campionato di promozione. Sarà lo stesso modello che fin qui è stato vincente per la compagine di Del Popolo basato non su cognomi pesanti ma su gente vogliosa che sente cucito addosso la maglia reggina ma soprattutto da gente che in campo ci va non per i soldi (mai esistiti in questa società) ma per la voglia di divertirsi. E grazie a questo modo di intendere il calcio, cioè il  divertimento, la compagine reggina la passata stagione a discapito di molte altre squadre accreditate per il salto di categoria il campionato lo ha vinto in maniera meritata, anche, se non  da prima in classifica. Passata la sbornia per il salto di categoria, la giovane società reggina che viene supportata dagli altri altrettanto giovani Sconti e Minniti assieme al Presidente Del Popolo ha già piazzato alcuni colpi di mercato mirati. Si tratta dell’attaccante Ficaraarriva che arriva dalla Deliese (Promozione) e Calarco, ex portiere dal Bovalino (Promozione). Giocatori questi che assieme alla conferma dello zoccolo duro della passata stagione dovrebbero consentire al riconfermato tecnico Minniti (squalificato, in panchina ci andrà Ferri) di disputare un campionato tranquillo. Senza ombra di dubbio il vero  grande colpo di mercato per i reggini è rappresentato  dal riscatto di Livio Vazzana  di proprietà Hinterreggio, uno dei giovani più interessanti della Calabria. Vazzana non ha preferito la categoria (su di lui club di serie D) ma la bontà del progetto che, evidentemente  rispetto agli altri quello dell’Aurora è stato più convincente. Un uscita certamente pesante ma,  che di certo non ha fatto strappare i capelli alla Società reggina pur trattandosi di un calciatore che da solo può fare la differenza. Si tratta dell’attaccante Postorino approdato alla corte del Villa San Giuseppe.