Categoria: 1° PIANOCALABRIAEDITORIALIFOTO & VIDEONEWS

Taurianova, grande commozione ai funerali di Chiara Petullà: “Non si può morire così” [FOTO]

di Danilo Loria e Tatiana Muraca – Si stanno svolgendo in questi minuti, presso la Chiesa di Maria SS delle Grazie di Taurianova, i funerali di Chiara Petullà, la 17enne che due giorni fa è deceduta all’Ospedale di Reggio, dopo che un Suv l’ha travolta mentre attraversava le strisce pedonali. Solo tra pochissimi giorni, Chiara avrebbe compiuto 18 anni, e l’amarezza sia per la sua giovane età, sia per le cause che hanno provocato la morte, è tanta. Un’amarezza che si è trasformata poi in una generosità estrema nella decisione della famiglia, dopo il decesso, di dare l’assenso per la donazione degli organi. Una famiglia a cui è mancata, due anni fa circa, anche un’altra figura femminile, la mamma di Chiara, una famiglia, insomma, che nel suo dolore stamane ai funerali della ragazza si è mostrata in tutta la sua compostezza.

La chiesa è strapiena, anche prima dell’arrivo del feretro: sono presenti ben 3000 persone e un gran numero di finanzieri e poliziotti; un’immensa solidarietà mostrata da tutto il paese, compresi molti cittadini delle località limitrofe, alla famiglia di Chiara in questi momenti di dolore.

La bara con adagiate sopra delle rose bianche, portata a spalla prima del suo ingresso in chiesa, era preceduta da uno striscione del Liceo “Rechichi” di Polistena, la scuola che Chiara frequentava. Tutti in fila, inoltre, i ragazzi del paese hanno portato dei palloncini bianchi e celesti, che sono stati lanciati in aria appena il feretro ha varcato la porta d’ingresso della chiesa.

È  un paese, quello di Taurianova, sotto shock per quanto successo, e lo ha dimostrato il silenzio di tomba che è sceso all’arrivo del feretro, seguito da un lungo applauso.

“È una tragedia immane – ci hanno detto alcuni cittadini – non si può morire così, una vita così giovane stroncata in un incidente”.

“Che il buon Dio – ci continuano a dire altre persone – dia una mano alla famiglia per superare questo momento difficile , non ci scorderemo mai di lei”.

“Che gesto generoso donare gli organi. È quanto dichiara a noi di Strettoweb un’altra cittadina–  Chiara vivrà in altre persone. Oggi c’è tristezza, tanta tristezza ma bisogna trovare un senso a tutto”.

Foto in esclusiva di StrettoWeb, autore Danilo Loria: