fbpx

Reggio, Seby Romeo a StrettoWeb: “dal governo un impegno finanziario per aiutare la città”

Seby RomeoLe polemiche che hanno seguito le primarie del centro/sinistra non turbano il segretario provinciale del Partito Democratico di Reggio Calabria, Seby Romeo, comprensibilmente soddisfatto per lo straordinario risultato di domenica scorsa, 6 luglio, quando più di 16.500 reggini si sono messi in fila sotto il sole per scegliere il candidato sindaco della coalizione di centro/sinistra in vista delle prossime elezioni comunali di novembre. La soddisfazione per quella che è già stata definita, giustamente, una “grande festa della democrazia“, è di gran lunga superiore rispetto alle polemiche che sicuramente hanno lasciato l’amaro in bocca nel day-after con la dura nota di Mimmo Battaglia e le ombre gettate da qualcuno sulla regolarità del voto e sulla vittoria di Giuseppe Falcomatà, che in realtà non è mai stata messa in discussione da nessuno nella commissione delle primarie.
primarie pdAi microfoni di StrettoWeb, Seby Romeo spiega che “avere intercettato la voglia di cambiamento di una massa enorme di cittadini ci lascia soddisfatti per la scelta politica di celebrare primarie organizzate in maniera trasparente e condivisa. I reggini hanno dimostrato con le lunghe code ai seggi di apprezzare la possibilità di scegliere il loro candidato sindaco“.

Tutti gli altri partiti della coalizione, i movimenti civici e le associazioni che hanno partecipato attivamente alle primarie, hanno sottolineato immediatamente il regolare svolgimento delle operazioni di voto.

Indubbiamente ringrazio tutti per la serietà dimostrata prima, durante e dopo. La maturità delle forze che compongono la coalizione dimostrano che abbiamo le potenzialità per governare Reggio nel segno della condivisione, la pari dignità e del cambiamento. Il tutto insieme a chi si è candidato, a chi in queste ore ha dato nuove disponibilità che ci consentiranno di allargare la coalizione e al nostro candidato Sindaco Giuseppe Falcomatà che da subito si è detto disponibile al dialogo e al confronto“.

partitiA chi altro si potrà allargare la coalizione?

Sicuramente ne faranno parte SEL ed Energia Pulita, insieme ad forze moderate che si richiamano all’esperienza dei cattolici in politica“.

Cioè?

Chi condivide un programma di svolta rispetto al decennio tristemente ricordato come “modello” del centro/destra, è il benvenuto. Reggio ha bisogno di una nuova coesione sociale e naturalmente più contributi arrivano nella chiarezza e nella discontinuità, e meglio è”.

Ad esempio l’UDC, che comunque ha fatto parte delle precedenti amministrazioni di centro/destra, è da escludere?

Non escludiamo nessuno. Se c’è qualcuno che ha preso parte a quelle amministrazioni ma adesso si è pentito e vuole cambiare, sarà ben accetto. Ovviamente è qualcuno che deve aver preso parte solo in modo marginale. L’UDC non è da escludere“.

falcomatàAbbiamo parlato degli altri, adesso parliamo del Pd. E’ rientrato il gelo con Battaglia? Dopo le primarie, il partito in che condizioni è?

Il Pd è unito ed impegnato dal livello nazionale a quello regionale e provinciale fino a quello cittadino, per garantire a Reggio speranza e futuro. Battaglia è una risorsa per il partito e per la città. Noi sappiamo che il suo contributo non mancherà. Falcomatà ha la forza dell’investitura popolare, delle idee e dei programmi, e la capacità di rappresentare una squadra unita e plurale. La politica ha un senso, quando si occupa dei problemi dei cittadini e trova loro soluzione. Per questo lavoreremo sodo“.

renziUn governo amico come quello di Renzi, potrebbe aiutare la coalizione e la città in caso di vittoria?

Senza ombra di dubbio. Nei prossimi giorni Stefano Bonaccini, responsabile nazionale degli enti locali, sarà a Reggio per un’iniziativa sulla città e tutto il partito, il gruppo parlamentare ed il governo hanno già confermato la loro disponibilità ed il loro impegno sui temi della crisi, che purtroppo attanaglia la nostra città, ad un confronto e ad un impegno anche finanziario finalizzato alla loro risoluzione“.

Tra i vostri avversari, temete di più il centro/destra o il Movimento 5 Stelle?

Rispettiamo tutti, ma non temiamo nessuno. Siamo convinti che prima le altre forze politiche riusciranno ad individuare i loro candidati a Sindaco, e meglio è. Sarà possibile nel confronto con loro, ragionare del futuro di Reggio“.