fbpx

Reggio, “La Via del Gusto Mediterranea”. Dattola: “Lieto di fare da sponsor a nuova guida gastronomica cittadina” [FOTO]

/

IMG_20140715_105611Presentata stamane alla Camera di Commercio di Reggio Calabria, l’ottava edizione della guida gastronomica “La Via del Gusto Mediterranea”.

La guida, nata nel 2004, è dedicata ai migliori locali di Reggio e Provincia ed è del tutto gratuita, in distribuzione presso gli alberghi e i B&B, gli infopoint turistici e  i maggiori punti di ritrovo cittadini.

Sfogliando la nuova pubblicazione, in formato tascabile, totalmente aggiornata e di facile consultazione, si potranno avere informazioni utili, chiare e dettagliate, sui più noti locali del territorio reggino.

Non per niente, “La Via del Gusto Mediterranea” è stata quest’oggi illustrata nel salone della Camera di Commercio, un ente che da sempre si interessa al settore gastronomico, alla crescita dell’offerta turistica della provincia di Reggio Calabria.

“Ho accettato ben volentieri – ha affermato Lucio Dattola, Presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria e di Unioncamere Calabria – di fare da ‘sponsor’ a questa iniziativa. Il raro turista che viene qui da noi – ha continuato Dattola – e alloggia in un hotel, almeno avrà a disposizione una guida che gli apre la storia della città. Proprio ieri, in occasione della giornata dell’economia, si è sottolineato come le categorie del marketing turistico siano cambiate negli anni; non ci sono più i classici tour operator, soppiantati dai vari siti online. La pubblicità – sottolinea Lucio Dattola – non serve a nulla, noi abbiamo bisogno di un grande portale. Il turista non viene qui a Reggio per il mare o per il sole, viene per mangiare e bere bene, e soprattutto perché vuole spendere poco. Mi auguro che le esigue idee vincenti che ci sono, come quella che viene illustrata quest’oggi, rimangano, e che sia presto portato avanti dalla Regione un progetto pensato e ragionato, in grado di risolvere il problema del turismo in Calabria”.

Come ha anche spiegato Claudio Aloisio, dell’agenzia di marketing promotrice dell’iniziativa, la guida gastronomica da tre anni è online (il sito è www.laviadelgustomediterranea.it), proprio perché ci si deve adeguare alla rete, che cambia totalmente la logica stessa del viaggio, dell’offerta turistica.

Il sito ripropone, come sul cartaceo, i locali selezionati, divisi per categorie, corredati da gallerie fotografiche e geolocalizzati, così da renderli facilmente raggiungibili tramite smartphone e tablet.

“La peculiarità di questa pubblicazione – ha aggiunto Aloisio – è la sua impostazione indirizzata non solo ai turisti, ma soprattutto ai reggini, perché sono proprio i cittadini stessi che la apprezzano tantissimo. Voglio sottolineare, inoltre – continua Claudio Aloisio – che questa de ‘La Via del Gusto’ è l’unica iniziativa turistica di quest’anno, ma che principalmente si tratta di un’iniziativa privata, che si mantiene con il mercato. Insieme a noi, hanno scommesso i ristoratori”.

IMG_20140715_125123Non per niente, a proposito dei ristoratori, sula guida 2014-2015 si possono leggere le descrizioni, in termini di offerte gastronomiche, recapiti, prezzi, di quasi 50 locali, un numero a cui si è giunti solo quest’anno, a discapito della crisi e a testimonianza della tenacia dei ristoratori reggini che non smettono mai di credere nel proprio lavoro.

“L’offerta enogastronomica in Italia e da noi – continua a dire Aloisio – deve essere considera al pari di quella culturale, artistica; un vero e proprio tesoro che dobbiamo valorizzare. Vi comunico – conclude Claudio Aloisio – che il portale si renderà sempre più fruibile anche per i dispositivi mobili,attraverso cui si potrà accedere a tutte le sezioni del sito, anche alle più innovative, come quella in cui sono racchiuse le ricette date direttamente dai locali e dalla gente comune”.

La Via del Gusto Mediterranea”, un’iniziativa senz’altro utile per la crescita “intelligente” della nostra città, innanzitutto dal punto di vista del turismo, che vuole mettere in evidenza le peculiarità gastronomiche tipiche della Calabria, ma che, come è accaduto stamane, ha aperto una velata polemica sul fatto che non esiste un vero e proprio prodotto che caratterizzi la cucina reggina. A tal proposito si è espresso il Presidente Lucio Dattola, dicendo che si sente la necessità di “inventare un brand enogastronomico da vendere; in questo momento, però – ha spiegato Dattola – noi della Camera di Commercio siamo in una situazione di stallo, in attesa di una decisione del Governo in merito all’eventualità di accorpare le Camere di Commercio provinciali in un unico ente regionale. Nonostante ciò, si sono fatti degli enormi passi avanti nel settore della gastronomia nella provincia di Reggio; non per niente abbiamo un ristorante stellato a Gioiosa Jonica, il terzo in Calabria”.

La necessità di trovare un “brand gastronomico da vendere” qui a Reggio Calabria è senz’altro indubbia, ma si potrebbe anche puntare alla valorizzazione di quei prodotti che da sempre ci contraddistinguono, come il bergamotto, e creare, attraverso questi, la nostra vera identità in tal senso.