Categoria: NEWSPALERMOSICILIA

Palermo, trattativa Stato- Mafia: Marra invia note su Mancino

Alla corte d’assise che celebra il processo Stato-mafia sono giunte due lettere del segretario generale del Quirinale, Donato Marra, con la risposta di due pg della Cassazione, a una nota trasmessa dal Colle il 4 aprile 2012 cui era allegata una lettera al capo dello Stato spedita dall’ex ministro Nicola Mancino, imputato nel processo per falsa testimonianza. Il procuratore Messineo ha definito “strano” che il teste abbia ritrovato i documenti dopo la sua deposizione. Nella lettera di Mancino si segnalava l’esigenza di un coordinamento investigativo tra le tre Procure – Palermo, Caltanissetta e Firenze – che in diversi procedimenti indagavano sulla trattativa. Per la Procura l’ex politico dc avrebbe tentato, direttamente e tramite il Colle, di fare pressioni sull’allora capo della Dna per togliere l’inchiesta ai pm di Palermo che avevano, peraltro, disposto un suo confronto con l’ex ministro Claudio Martelli. Sul caso Mancino hanno deposto, alla scorsa udienza, sia Marra che Grasso. Grasso ha raccontato dell’incontro avuto col pg Ciani, proprio a seguito della nota del Colle, e della sua opinione che non ci fossero i presupposti per un’avocazione dell’inchiesta da parte della Procura nazionale. Le due lettere del pg sono state acquisite dalla Corte d’Assise al processo sulla trattativa Stato-mafia.