fbpx

Milazzo (ME): sindaco prosciolto dall’accusa di abuso d’ufficio

Milazzo comuneIl primo cittadino di Milazzo (ME) Carmelo Pino è stato prosciolto dall’accusa di abuso d’ufficio per la nomina a Ragioniere generale dell’Ente della dottoressa Elisabetta Bartolone, proveniente dal Comune di Barcellona, avvenuta nel 2011.

Proscioglimento anche per la giunta municipale formata dal sindaco Pino, assessori Scolaro, Bucca, Midili, Capone e Nastasi e per la stessa dottoressa Bartolone sempre dall’accusa di abuso d’ufficio in concorso per aver approvato la delibera di proroga di 25 ex lavoratori Aias in servizio al Comune.

Il Gup, Rosaria D’Addea, nell’udienza di oggi, ha ritenuto di dichiarare il non luogo a procedere nonostante il pm, dottor Giorgio Nicola avesse presentato una contro relazione alla memoria difensiva proposta dall’avv. Fulvio Cintioli, legale di alcuni imputati.

Il Giudice dell’udienza preliminare ha invece disposto il rinvio a giudizio per il sindaco Pino, per l’ex esperto prof. Francesco Pino, per gli ex segretari generale Giovanni Matasso e Lucio Catania e per l’ing. Santi Romagnolo, accusati sempre di abuso d’ufficio per la vicenda relativa alla nomina di quest’ultimo a dirigente esterno dell’Ente.
Il Gup ha ritenuto la materia particolarmente complessa e quindi certamente meritevole di approfondimenti in sede dibattimentale senza quindi avallare né la tesi dell’accusa, né quella della difesa. Adesso spetterà quindi al Collegio verificare la validità delle rispettive posizioni. La data del processo è l’1 dicembre 2014.

Appresa la decisione del Giudice, il sindaco Pino ha dichiarato: “Non ho mai avuto dubbi sull’imparzialità della magistratura e la conferma arriva oggi dal dispositivo emesso dal Gup, dottoressa D’Addea. I proscioglimenti dimostrano la linearità del lavoro svolto dall’Amministrazione in questi tempi difficili e ho motivo di essere fiducioso che in fase dibattimentale, relativamente alla nomina, per soli due mesi, del dirigente ing. Romagnolo riusciremo ampiamente a dimostrare e comprovare la piena legittimità degli atti e soprattutto la trasparenza che anche in quell’occasione ha contraddistinto e contraddistingue la mia azione amministrativa