fbpx

Messina, la Vara si farà ma il Comune chiede una mano ai privati. E intanto Perna lancia una lotteria…

IMG_20140708_104212_865Manca ormai poco più di un mese alla celebrazione della Vara, l’evento clou dell’estate messinese. Una festa religiosa popolare che coinvolge particolarmente la comunità dei fedeli. Eppure, sino a stamattina, serpeggiavano timori sullo svolgimento della manifestazione: dubbi e perplessità concernenti, in particolar modo, quei vincoli finanziari sulle spese indifferibili monitorati dalla Corte dei Conti.

Proprio per fugare le riserve pessimistiche, l’assessore alla Cultura Tonino Perna ha indetto una conferenza stampa stamane per chiarire lo stato delle cose. Ad oggi le riserve municipali stanziate per la Vara ammontano a circa 43.000 euro. E’ bene ricordare come lo scorso anno, per celebrare degnamente l’evento nonostante le ristrettezze furono necessari quasi 70.000 euro. La Giunta Accorinti conta di colmare questo gap, questo “mini-deficit”, attraverso un contributo dei privati, una sorta di fondo di solidarietà aperto dai volenterosi imprenditori e commercianti cittadini.

Secondo l’assessore, i ritardi nella macchina organizzativa sono imputabili alla mancata approvazione del bilancio consuntivo, un’impasse – quella vissuta in sede di Consiglio – che ha impedito la consequenziale formulazione del bilancio preventivo per la stagione in corso. Ad ogni modo, Perna ha tenuto a precisare che 50.000 euro sono stati chiesti alla presidenza regionale (Crocetta, in città, ne promise 80.000) e 10.000 sono stati chiesti quale contributo d’eccezione all’ARS.

lotteria varaSotto il profilo organizzativo, nella giornata di giovedì l’ordinario di Sociologia incontrerà prima il Comitato operativo e successivamente il Comitato storico-scientifico per definire nel dettaglio i piani organizzativi. Inoltre, stante l’esigenza di programmare un’estate culturale di spessore, l’Amministrazione ha avviato un fitto dialogo con il neocostituito Comitato Agosto Messinese, al fine di realizzare un cartello unico contenente eventi di svariato tipo (dalla danza alla recitazione). Visti i vincoli finanziari, per l’Agosto Mata e Grifone – questo il nome scelto – si è deciso d’istituire un’apposita lotteria a supporto del progetto. I biglietti (vedi foto a fianco) da 2,50 euro saranno in circolazione già da lunedì nelle sedi circoscrizionali, nei bar, nei tabacchini e nei ristoranti che si offriranno di ospitarli. Quanto ai premi in gioco, ancora una volta il pubblico chiede un sostegno al privato: work in progress.