fbpx

Messina, mercato Zaera: una struttura eco-compatibile per la città

/

zaera (8)Il progetto Mercati Verdi Messina va avanti. E’ ferma Patrizia Panarello, assessore al Commercio, nel ribadire la volontà dell’Amministrazione. E proprio in siffatto contesto s’inquadra la decisione di accelerare sensibilmente sulla realizzazione del Mercato Zaera. Perché quasi di realizzazione ex novo si tratta, se è vero com’è vero che la struttura verrà ripensata nelle sue stesse fondamenta.

I fitti colloqui fra Panarello e De Cola, già assessore ai Lavori Pubblici, scandiranno i tempi per l’apertura dei cantieri: Palazzo Zanca confida di iniziare nel Gennaio del 2015, consegnando il nuovo mercato alla città entro la fine di Dicembre.

Dopo un’iniziale interesse manifestato dalla SO.GE.PAT, ed orientato ad un supporto finanziario per la realizzazione di uno spazio destinato all’e-commerce e alla valorizzazione dei prodotti tipici locali, il Comune ha ben deciso di rispolverare il progetto originario, tornando sui suoi passi. Questa scelta sarebbe maturata per le difficoltà interne alla SO.GE.PAT, difficoltà che sarebbero emerse in corso d’opera e avrebbero impedito alla società di dare materiale esecuzione ai disegni annunciati. Così la Giunta ha sciolto le riserve, promettendosi di collaborare in futuro con l’impresa per il dossier concernente il mercato Sant’Orsola.

Tornando al Mercato Zaera, il costo dei lavori si aggirerà attorno ai 900.000 euro. L’obiettivo è creare una struttura efficiente ed autosufficiente dal punto di vista energetico, non a caso sul tetto dell’edificio saranno disposti dei pannelli fotovoltaici in grado di fornire elettricità all’intera infrastruttura. “Pannelli richiesti dagli stessi commercianti”, ha tenuto a precisare l’assessore.

La struttura sarà costruita su due piani. Al pian terreno vi sarà un parcheggio destinato all’utenza: ad esso si accederà dalla via Cesare Battisti e la capienza consterà di 44 posti auto e 6 posti moto. Al primo piano, invece, si registrerà la presenza di 48 box (44 di 13 metri quadrati, 4 di 10 metri quadrati). Sette stalli sono ancora liberi, per chi volesse usufruirne.

Sempre al primo piano si installeranno tre celle frigorifere per i beni alimentari, lasciando al singolo operatore la possibilità di utilizzare tali spazi o di munirsi, autonomamente, di una propria cella all’interno del box di cui disporrà.

Una novità si registrerà nel sistema dei rifiuti. I cassonetti per la differenziata presenti al primo piano faranno scorrere l’immondizia in appositi contenitori dislocati al pian terreno, consentendo l’immediato riciclo. Rampicanti verranno montati lungo le pareti dell’edificio, per dare l’idea del mercato verde che s’intende costruire.

Tutto rose e fiori? Non proprio. Fra l’inizio dei lavori ed il completamento degli stessi servirà un periodo di circa dodici mesi, come abbiamo evidenziato. Lungo questa fase dove andranno i commercianti? “Stiamo studiando la situazione”, ha affermato Panarello, rivelando che l’intenzione degli operatori è quella di usufruire della strada adiacente, vale a dire il Viale Europa. Un’ipotesi che fa a cazzotti col buon senso e con la viabilità cittadina.

Messina, ecco come sarà il mercato Zaera (tutte le foto)