Messina, clamoroso addio di Lo Monaco: duro scontro col sindaco Accorinti

accorinti lo monacoClamorosa decisione della famiglia Lo Monaco, che pochi minuti fa ha annunciato il proprio disimpegno dall’ACR Messina. Il motivo? La scelta dell’amministrazione Accorinti di concedere la gestione dello stadio “S. Filippo” ad una società organizzatrice di eventi per alcuni concerti programmati nell’estate 2015. La società giallorossa invece, per affrontare i problemi relativi agli allenamenti e alle attività delle squadre, dalle giovanili a quella che dovrebbe disputare il prossimo campionato di Serie C unica, chiedeva l’uso esclusivo dell’impianto. La scelta di Accorinti non è quindi andata giù ai Lo Monaco, che hanno optato per la decisione più drastica. Si capirà nelle prossime ore se la minaccia potrà rientrare o se effettivamente si dovrà procedere a cercare una nuova proprietà.

Di seguito il comunicato completo dell’ACR Messina:

acr messina - accorinti

All’indomani della riunione tenutasi fra il sindaco Renato Accorinti, i suoi uomini e l’Acr Messina, circa la messa a norma dello stadio per la disputa dei campionati 2014/2015 ed il relativo rinnovo della concessione d’uso dello stesso per il periodo che intercorre (come da concessione in essere) da Settembre 2014 a Settembre 2015, apprendiamo dagli organi di stampa che il primo cittadino e la sua giunta hanno concesso l’intero impianto dello stadio “San Filippo” e le sue pertinenze ad una  società organizzatrice di eventi, per la realizzazione  di concerti per la stagione estiva 2015.

Non comprendiamo tale atteggiamento dopo tutte le promesse, poi puntualmente disattese. Il Comune – prosegue il comunicato – ignora gli innumerevoli problemi riguardanti la gestione dello stadio, a cui  deve ottemperare per renderlo agibile e consentire la partecipazione ad un campionato professionistico come quello della C unica, dopo anni di totale disinteresse. Non  si può pensare di concedere ad una società organizzatrice di eventi extra calcistici lo stadio per un periodo così lungo, quando lo stesso  dovrebbe essere in esclusivo godimento all’Acr Messina. Risulta evidente il disinteresse dell’amministrazione per le sorti di Messina calcistica. 

É impensabile di poter fare attività senza campi di allenamento per la prima squadra, campi di allenamento per l’attività del settore giovanile a cui ora si aggiunge anche il non utilizzo dello stadio “San Filippo”. Questa società – si legge ancora nell’area stampa – ha compiuto in questi due anni innumerevoli sforzi economici e non, onde poter ridare dignità sportiva alla città di Messina, ma è evidente che non si può pensare di rimanere in paradiso a dispetto dei Santi. Da oggi il sindaco e la giunta, che tanto solerti sono stati nel concedere l’uso del “San Filippo” a ditta esterna per organizzare eventi alla “considerevole” cifra di € 15.000 (sic.) da oggi avranno un altra incombenza, quella di provvedere ad una nuova conduzione societaria per l’Acr Messina più consona alle proprie esigenze. Per quanto sopra esposto – conclude la nota – l’attuale proprietà comunica il proprio disimpegno da qualsivoglia attività sportiva presente e futura, auspicando che il sindaco Accorinti e la giunta tutta possano dare a Messina sportiva una conduzione societaria che possa riportare la città di Messina a rinverdire i fasti di un recente passato”.