fbpx

Inchiesta della Dda di Reggio su traffico di rifiuti: sequestrati beni per un valore di 1 mln di euro

imagesSocieta’ e beni per un valore di circa 1 mln di euro sono stati sequestrati dal Corpo forestale dello Stato e dalla polizia ferroviaria di Reggio Calabria in una inchiesta della Dda su un traffico di rifiuti. Sono state sequestrate le societa’ Cara Stefano e Cara Ecologica, conti correnti, sei camion per la raccolta ed il trasporto dei rifiuti e le macchine per la movimentazione e la riduzione di volume degli stessi. Nell’inchiesta sono indagate due persone. Nel corso delle indagini e’ emersa la presenza di una attivita’ organizzata, consolidatasi nel tempo, dedita al traffico illecito di rifiuti. Dagli accertamenti eseguiti, infatti, e’ risultato che l’intera attivita’ di recupero e smaltimento di rifiuti di vario genere, classificati anche come pericolosi, avveniva senza le prescritte autorizzazioni e con operazioni fittizie tra i vari soggetti interessati, tali da determinare la perdita della tracciabilita’ dei rifiuti stessi. Anche l’ampio sito utilizzato quale centro di raccolta dei rifiuti, posto nelle immediate vicinanze di abitazioni e nell’area di rispetto dell’aeroporto di Reggio Calabria, e’ risultato privo di autorizzazioni e delle piu’ elementari condizioni di salvaguardia e sicurezza finalizzate a scongiurare fenomeni di inquinamento ambientale determinati dall’ingente quantitativo di rifiuti di vario genere stoccati.