fbpx

Il ministro della giustizia Andrea Orlando a Reggio: “questa città è un punto critico”

ministro della Giustizia Andrea OrlandoSono venuto a Reggio Calabria perche’ questa realta’ rappresenta uno dei punti critici della giustizia e dove e’ in corso da parte dello Stato una forte azione di contrasto contro la ‘ndrangheta, che notoriamente e’ la piu’ forte delle forme di criminalita’ organizzata del nostro Paese e in Europa”. Lo ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando arrivando al palazzo di giustizia di Reggio Calabria per incontrare i vertici degli uffici giudiziari del distretto della Corte d’appello. Orlando, dopo l’arrivo, si e’ recato negli uffici del presidente della Corte d’appello Giovambattista Macri’, dove e’ iniziato il confronto con i magistrati. Nel pomeriggio Orlando partecipera’ ad una iniziativa del Pd a Cosenza.

reggio calabriaOggi siamo a Reggio per offrire un sostegno concreto alla Magistratura e alle Forze dell’Ordine che sono in prima linea in una fondamentale lotta quotidiana per il Paese. Cercheremo di dare risposte concrete soprattutto in merito alle questioni organizzative e del personale, temi cruciali per vincere la nostra battaglia“, ha aggiunto il Ministro confermando il ritorno in Calabria del presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Sin dai prossimi giorni pubblicheremo in rete le linee guida della riforma che riguarda il processo civile per aprire non solo agli operatori della giustizia l’opportunita’ di un confronto ma anche per stimolare i suggerimenti dei cittadini. Le sentenze che riguardano Berlusconi non ostacoleranno sicuramente i processi di riforma che sono in corso. Ho incontrato magistrati molto motivati nel loro compito e che hanno anche sollevato problemi che il Governo intende affrontare sia con qualche provvedimento immediato che con un ulteriore azione a piu’ lungo periodo“. Queste le parole di Orlando dopo l’incontro avuto a Reggio Calabria con i vertici degli uffici giudiziari del Distretto. In questo senso, il Ministro ha raccolto la segnalazione sollevata dal presidente della sezione Gip-Gup di Reggio Calabria Olga Tarzia che ha posto l’attenzione sull’insufficienza dell’organico della sezione in cui operano sette magistrati su un organico previsto di 12. “Come facilmente intuibile – ha detto Olga Tarziala sezione e’ continuamente interessata dall’intenso lavoro prodotto dagli uffici della Procura e troviamo difficoltoso smaltire il lavoro a causa della deficienza degli organici. Al ministro abbiamo detto che allo stato delle cose ci vorrebbero almeno 14 giudici“.

reggio calabriaL’incontro ha messo in evidenza una realta’ che si e’ messa in moto con un crescente impegno sul fronte del contrasto alla criminalita’ organizzata. Questo inevitabilmente crea problemi all’assetto organizzativo-logistico e di carico del lavoro. Oggi abbiamo svolto un’analisi sui possibili contributi da offrire nel breve e nel medio periodo per comprendere come affinare alcuni interventi in relazione a situazioni di grave criticita’ come quella di Reggio” ha aggiunto ancora Orlando dopo il suo incontro a Reggio Calabria con i vertici degli Uffici giudiziari del Distretto e con i rappresentanti degli ordini degli avvocati del capoluogo dello Stretto sulle iniziative da intraprendere per superare i problemi nel settore della giustizia calabrese, reggina in particolare. “Tra gli impegni che abbiamo assunto – ha continuato il Ministro – c’e’ quello per il completamento del nuovo Palazzo di Giustizia di Reggio, anche grazie al contributo del presidente Renzi, che ha posto molta attenzione sulla Calabria, e del sottosegretario Delrio. Un’altra questione da affrontare riguarda gli organici del personale amministrativo. In questo senso una prima risposta arrivera’ presto per consentire di reperire qualche nuova unita’ utile ad affrontare l’enorme carico di lavoro. Tra gli impegni presi, c’e’ anche quello riguardante la flessibilita’ nell’utilizzo dei magistrati e le vacanti coperture di organico“. “Per quanto riguarda, invece, le questioni che hanno evidenziato gli avvocati – ha proseguito Orlandosono simili a quelle dei magistrati, ovvero il bisogno di un supporto organizzativo piu’ forte e problemi concreti legati ad esempio all’applicazione del processo civile telematico. Abbiamo puntualmente preso nota e cercheremo nelle prossime settimane di dare risposte tangibili“. Il ministro Orlando ha poi fatto il punto sulla riforma della giustizia. “Stiamo pubblicando sul sito le linee guida che esplicitano i dodici punti. Credo che il lavoro possa essere compiuto entro la meta’ di agosto, contemporaneamente si procedera’ alla consultazione con i soggetti della giurisdizione e con i cittadini che nel frattempo stanno inviando le mail al sito mostrando grande attenzione su questo tema“.

“E‘ mia intenzione entro il 20 agosto mettere in chiaro quasi tutte le schede della riforma della Giustizia. C’e’ qualche punto che va raffinato ma il grosso sara’ accessibile sul sito del Ministero via internet. Ovviamente non si trattera’ di articolati, ma di prearticolati, poiche’ non vogliamo mettere in consultazione delle leggi, altrimenti dovremmo chiedere degli emendamenti e non indicazioni di carattere generale. Ma quel livello di dettaglio cosi’ approfondito sara’ compiuto per quella data” ha concluso.