fbpx

Finiscono nei guai per aver rubato 70 buste di pinoli, un arresto e una denuncia

pinoliHanno rubato 70 buste di pinoli in un noto supermercato di Siena ma sono state notate dal personale addetto alla vigilanza che ha chiamato la Polizia. Gli agenti delle Volanti della Questura di Siena sono intervenuti intorno alle ore 15.00 di ieri in strada del Paradiso, presso l’esercizio commerciale, dove hanno trovato le due donne, entrambi rumene di 27 e 34 anni, che erano state sorprese con le mani nel sacco, dopo che una delle due, quella più grande, aveva riempito un cestello di buste di pinoli. Una vigilante, che si trovava nei paraggi, si è accorta e, avendo lo stesso supermercato subito recentemente altri furti della stessa merce, l’ha seguita con lo sguardo insospettita fino a quando la donna si è incontrata con una complice, che ha nascosto i pinoli dentro una borsa per poi oltrepassare le casse senza pagare. Le due rumene, una delle quali priva di documenti, sono state quindi accompagnate in Questura per essere sottoposte a foto segnalamento dalla Polizia Scientifica, al fine di giungere ad una esatta identificazione. Dai riscontri è emerso che la 27 enne senza documenti aveva dichiarato alla Polizia un falso nome per nascondere ciò che pesava dietro alla sua vera identità. Con il nome reale della donna, R.A.T. , è infatti risultato un provvedimento di espulsione come misura di sicurezza, disposta a seguito della sua scarcerazione, avvenuta lo scorso giugno dopo aver scontato una condanna per traffico internazionale di stupefacenti. La straniera era stata arrestata nel febbraio del 2011 perché trovata in possesso di un ingente quantitativo di cocaina, dalla Guardia di Finanza in servizio all’aeroporto di Fiumicino a Roma. Il 23 giugno del 2014, uscita dal carcere è stata espulsa coattivamente dall’Italia, dove non sarebbe potuta rientrare prima di 5 anni. All’esito degli accertamenti la donna è stata quindi arrestata per false attestazioni a pubblico ufficiale, furto aggravato e per la violazione della normativa sugli stranieri. Attualmente si trova reclusa nella cella di sicurezza della Questura fino alle ore 12.00 di domani, quando è stata fissata l’udienza di convalida, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. La complice, pregiudicata per reati contro il patrimonio, è stata invece denunciata in stato di libertà per furto aggravato.