fbpx

Casello Villafranca-Messina: costoso ed ingiusto che lo paghino solo i residenti della zona Nord

autostradaDopo la promessa sulla riduzione del 50% sul pedaggio autostradale tra Messina e Villafranca Tirrena (ME) che avrebbe dovuto iniziare in questi giorni, resta il malcontento degli utenti, sopratutto i pendolari, che speravano nello scontro. Inoltre, appare paradossale che i residenti dell’estrema zona sud non paghino per accedere alla città, mentre quelli della zona nord sborsano 1,20 euro a tratta.

Il vicepresidente del Consorzio Autostrade Siciliane, Nino Gazzara ha ricordato che quando fu costruita la tangenziale, l’uscita di Villafranca non c’era. Nacque in seguito per i mezzi commerciali che si muovevano da e per la Pirelli di Villafranca, per evitare che utilizzassero lo svincolo di Rometta e intasassero la via Nazionale. Dapprima era limitata a questi mezzi, poi la gente chiese di aprirla anche ai mezzi privati, anche a pagamento, come avvenne.

Abolire il pedaggio sarebbe economicamente sconveniente, dato che l’introito è di circa 2 milioni e 800 mila euro all’anno., cifra che copre anche la manutenzione. Ad esempio, l’adeguamento del viadotto Ritiro costerà 60 milioni, di cui 30 a carico del CAS, ribadisce Gazzara.

Il pagamento del pedaggio risulta essere elevato per l’utente perchè non considera il kilometraggio del solo tratto Giostra Orto Liuzzo, ma parte da Tremestieri, quindi circa 2o kilometri di tragitto.

Nella concessione al CAS, spiega Gazzara, il chilometro 0 è a Tremestieri ed è progressivo fino a Palermo, tant’è che Rometta è al km 24, Milazzo al 38, Barcellona al 46 e così via. Si dovrebbe invece calcolare il tratto della tangenziale di Messina da 0 a 20 e poi far ripartire la numerazione da 0 a Villafranca, così come avviene per la tangenziale di Catania. Solo che quella è gestita dall’Anas.

Sarebbe almeno opportuno rivedere i criteri di pagamento. Anche una cifra piccola come 1,20 euro se moltiplicata per ogni giorno in cui transitano lavoratori e pendolari giornalieri diventa cospicua per il contribuente.