fbpx

Reggio, in corso la seduta del Consiglio Regionale sull’assestamento di bilancio: il dibattito

foto_consiglio_regionale_8Il Consiglio regionale ha avviato il dibattito sulla manovra di assestamento al bilancio della Regione 2014 dopo avere osservato un minuto di silenzio, su proposta del presidente Francesco Talarico, per ricordare Nicola Lopez, il segretario generale del’ente deceduto due settimane fa. Successivamente la relazione dell’assessore Mancini e’ intervenuto il consigliere del Pd Mario Maiolo, che ha criticato aspramente la maggioranza di centrodestra “chiusa ad ogni forma di collaborazione e di confronto, soprattutto sulle politiche di indirizzo comunitario”. Agazio Loiero, ha parlato di “legislatura nel corso della quale la democrazia e’ stata vessata nella forma e nella sostanza ed il Consiglio ridotto a vassallaggio di ogni volonta’ di maggioranza che ha brandito continuamente il consenso elettorale”. Riferendosi all’ex presidente Giuseppe Scopelliti, Loiero ha detto che “due enti da lui guidati sono stati sciolti”. Fausto Orsomarso, del Nuovocentrodestra, rispondendo a Loiero, ha ricordato “come piu’ volte si sia allontanato dall’aula dopo i suoi interventi non partecipando al dibattito. Io pero’ non sono tra quelli abituati ad idolatrare le persone, ma devo anche notare che chi un tempo idolatrava, oggi prende sempre piu’ le distanze. Qui e’ necessario capire chi sono i veri nemici della Calabria: a mio parere non lo sono ne’ Scopelliti, ne’ Loiero, ma e’ chiaro che ormai e’ finito il tempo di mascherare i problemi. Con questo non voglio dare lezioni a nessuno e, a saldo di ogni critica, mi sento in coscienza di affermare che abbiamo cercato di dare il massimo in una situazione particolarmente difficile”. Per Demetrio Naccari Carlizzi (Pd), “la Calabria oggi e’ in condizioni peggiori di qualche anno fa. C’e’ il rischio concreto di incrementare il deficit di bilancio, soprattutto dopo la decisione della Giunta regionale di aumentare la tassazione sul sistema dello smaltimento dei rifiuti. La situazione non consente di perdere tempo ed e’ auspicabile che da ora in avanti si instauri una nuova capacita’ di confronto sui problemi in maniera aperta e onesta, senza nascondere le difficolta'”.