Categoria: CALABRIAEDITORIALINEWSREGGIO CALABRIA

Reggio, il Tapis Roulant torna come nuovo dopo gli episodi di vandalismo delle ultime settimane

Il Tapis Roulant di via Giudecca, nel centro storico di Reggio Calabria, torna come nuovo dopo gli episodi di vandalismo che nelle ultime settimane ne hanno parzialmente compromesso la funzionalità. I tecnici del Comune di Reggio Calabria che garantiscono il servizio dei tappeti mobili spiegano innanzitutto che sono fermi soltanto 3 tappeti sui 10 complessivi, e che gli altri 7 (quindi la stragrande maggioranza) non hanno mai smesso di funzionare; aggiungono inoltre che entro la metà della prossima settimana (altri pochi giorni di pazienza, quindi) anche i 3 tappeti fermi verranno riparati.

Il guasto è stato provocato dagli episodi di vandalismo di alcuni ragazzi che, nei giorni scorsi e durante le ore notturne, hanno ben pensato di scagliare bottiglie di birra e di altri alcolici contro i vetri della struttura, mandando le stesse bottiglie in frantumi. I cocci di vetro hanno così danneggiato le  pulegge motrici dei tappeti. Episodi incresciosi che purtroppo si ripetono molto spesso intorno alla struttura di via Giudecca.

La realizzazione del Tapis Roulant, infatti, ha trasformato questa strada in una delle più vissute delle notti reggini grazie alla nascita di numerosi locali in cui si concentra la vita notturna e giovanile della città. Un indotto economico non indifferente per quella che fino a pochi anni fa era una via del centro come tante altre, soffocata dallo smog di traffico e parcheggi selvaggi.

Nulla può giustificare il vandalismo di chi si diverte a deturpare il bene pubblico: fortunatamente le telecamere di videosorveglianza dell’opera hanno ripreso tutto e i responsabili sono passibili di denuncia alle autorità competenti.

Il Tapis Roulant, inaugurato ormai quasi cinque anni fa (ha aperto i battenti il 20 luglio 2009) grazie ad un finanziamento del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, rappresenta il volto più bello di Reggio, una città che vuole guardare al futuro: si tratta di un’opera avveniristica che attira l’interesse e la curiosità dei turisti e che al tempo stesso assolve a un compito di utilità sociale, collegando in modo pedonale ed ecologico il Lungomare alla parte alta della città, al momento fino a via Filippini ma addirittura fino alla zona panoramica e ricca di luoghi d’interesse culturale e turistico di Reggio Campi una volta che verranno completati i lavori (in corso) dell’ultimo tratto. Un bene prezioso da tutelare contrastando l’inciviltà e il vandalismo dei soliti “pochi” che compromettono da sempre il decoro e l’immagine di Reggio Calabria.

Intanto le aiuole del Tapis Roulant sono nuovamente fiorite, curate e rigogliose grazie allo straordinario lavoro di due anziane signore residenti nella zona che con guanti e piccoli arnesi le hanno curate e ripulite ponendosi, così, come esempio di cittadinanza positiva e operativa per il bene comune. Un “modello” di senso civico straordinario di cui tutta Reggio deve andare orgogliosa.