fbpx

Mammola (RC): 2 arresti per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso [FOTO]

Calla’ Isidoro Cosimo

Calla’ Isidoro Cosimo

Ieri i Carabinieri della locale Stazione, coadiuvati dai colleghi dei paritetici Comandi di Grotteria e Gioiosa Jonica, in ottemperanza agli ordini di esecuzione per la carcerazione emessi dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Reggio Calabria, hanno tratto in arresto:

Callà Isidoro Cosimo, operaio 55enne, ritenuto appartenente all’omonima cosca locale di ‘ndrangheta, il quale dovrà scontare la pena residua della reclusione di 1 anno e 16 giorni;

Ferraro Domenico, pastore 49enne, il quale dovrà scontare la pena residua della reclusione di 1 anno e 8 giorni.

Gli arrestati, condannati entrambi ad anni 2 e mesi 8 di reclusione con sentenza emessa dalla Corte d’Appello di Reggio Calabria nel gennaio del 2013, diventata definitiva il 5 giugno 2014, sono risultati responsabili di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso, commessa nell’anno 2009 ai danni di imprenditori boschivi operanti nel territorio di Cinquefrondi (RC). In quella circostanza obbligarono operai di una ditta concorrente, operante nel settore del taglio boschivo, a lasciare il posto di lavoro. Successivamente, tentarono di imporre allo stesso imprenditore la dazione, a loro favore, di un’area boschiva.

Ferraro Domenico

Ferraro Domenico

Gli stessi, che nel 2009 vennero già raggiunti da un provvedimento di fermo emesso dalla DDA di Reggio Calabria, risultavano coinvolti in indagine riguardante l’imposizione del taglio boschivo nei territori di Cinquefrondi (RC) e Giffone (RC). I due arrestati operavano in stretta sinergia con altri membri di note cosche originarie dei citati centri pre-aspromontani.

Entrambi, effettuate le operazioni di foto-segnalamento, sono stati ristretti presso il carcere di Reggio Calabria.