fbpx

Università della Calabria, incontro con l’Ambasciatrice della Palestina in Italia

imagesE’ Mai Alkaila, Ambasciatrice in Italia dell’Autorità Nazionale Palestinese, l’ospite del 7° appuntamento del ciclo seminariale “Le verità del Potere o il Potere delle verità?” organizzato dal progetto Pedagogia della R-Esistenza per una Nuova Pedagogia.
Il seminario si terrà giovedì 8 maggio alle ore 10.30 presso l’University Club e ha come tema: “La R-Esistenza palestinese tra passato e presente”. Dopo i saluti dell’Autorità accademiche, interverranno: Arcangelo Badolati, Direttore scientifico del Laboratorio di Resistenza Antimafia, Enzo Infantino, Comitato per il diritto al ritorno, Bassam Saleh, giornalista palestinese.
La risoluzione della questione palestinese – dichiara in una nota Giancarlo Costabile, responsabile del progetto Pedagogia della R-Esistenza – è prioritaria per l’affermazione di una cultura della pace nel contesto del Medio Oriente. L’obiettivo dell’incontro, spiega Costabile, è sensibilizzare i giovani alla conoscenza storica del vissuto del popolo palestinese: non ci può essere r-esistenza senza memoria; non ci può essere diritto di cittadinanza senza un’analisi oggettiva delle ragioni storico-sociali che hanno portato la Comunità palestinese a vivere “straniera” nel proprio territorio, mutilata, troppo spesso, dei più elementari diritti umani. La Terra Santa è ancora oggi teatro di una tragica storia di guerra: povertà, sangue, violenza alimentano una grammatica dell’odio che si è fatta compiuta Società della Paura, negando ogni valore al riconoscimento dell’Altro come condizione di base del vivere associato.
Il compito della Nuova Pedagogia, conclude Costabile, che ha scelto la strada dell’Esistenza e non della sosta terrena, della partecipazione e non del silenzio, della lotta e non della rassegnazione, è quello di lavorare per la costruzione di una rete della cittadinanza attiva in grado di promuovere la cultura della solidarietà e dell’accoglienza. Per far ciò occorre demolire quei luoghi comuni che le verità del Potere hanno imposto all’opinione pubblica, narcotizzando in tal modo le coscienze e favorendo distorti comportamenti sociali.