fbpx

Tropea (VV), l’uscente sindaco Vallone: “non comprendo intenzioni on. Salerno”

gaetano vallone“La lunga esperienza politica spesso giunge in mio soccorso. Le strategie di cui la stessa politica si compone, pure le più insolite e argute mi appaiono così dinnanzi agli occhi chiare e comprensibili che questa volta confesso di non aver colto appieno le intenzioni che hanno spinto l’ on. Nazzareno Salerno a “schierarsi” apertamente a mezzo stampa in vista delle prossime comunali, attraverso cui si designerá il nuovo sindaco di Tropea”. A dichiararlo l’uscente sindaco di Tropea, Gaetano Vallone.

“Anzi – prosegue Vallone -, ho trovato il suo intervento, seppure “offerto” a titolo personale e non in qualitá di esponente politico del NCD, piuttosto fuori luogo. Da sindaco uscente di Tropea so bene quali qualitá debba possedere il futuro primo cittadino di Tropea e, a dispetto dell’entusiasmo espresso da Salerno nei confronti del candidato della lista “forza Tropea” Nino macrì, non riesco in alcun modo a rinvenire certe doti nella persona sostenuta da Nazzareno Salerno”.
“Mi preme ricordare che io sono sindaco uscente non per scadenza naturale del mandato, ma perchè costretto alle dimissioni proprio dal coordinatore cittadino di forza Italia Nino macrì, che per fini prettamente personali e disconoscendo la connotazione di lista civica fin dall’inizio della sua nascita, ha inteso spingere quattro consiglieri del suo gruppo a uscire dalla maggioranza e costituire il gruppo forza Italia, sancendo di fatto la fine della mia legislatura, di tutto ciò l ass. Nazareno Salerno è sempre stato a conoscenza. È stato messo in atto un complotto per annientare il circolo di Tropea del NCD? Se non proprio le prove , gli indizi, i comportamenti portano a pensare ciò.
Ribadisco pertanto quanto affermato in passato da emerito esponente regionale in quota NCD: il circolo degli alfaniani di Tropea non ha ratificato nessun accordo elettorale con Nino Macrì o altri, ma a parte ogni attuale considerazione a ragione ritengo che la persona di Nino Macrì, costituisce , sotto molti aspetti, come guida della città, il peggio che le possa capitare”, conclude Vallone.